Il sito usa cookie tecnici per il suo funzionamento. Da questo sito, a tua scelta puoi usare servizi di terze parti che potrebbero fare uso di cookie propri. Continuando nella visita accetti l'utilizzo dei cookie.

Cerca in Astronave

Canale Video Pegasus

Solo Risvegliandoci...

"E' in corso uno sforzo concentrato per prevedere e gestire il comportamento umano in modo che gli scienziati sociali e l'elite dittatoriale possano essere in grado di controllare le masse e proteggersi dalle ricadute di un'umanità libera completamente risvegliata. Solo risvegliandoci ai loro tentativi di metterci a dormire noi abbiamo una possibilità di preservare il nostro libero arbitrio."
Nicholas West


Scie Chimiche

Chi ci avvelena dal cielo?

Giù le mani dalla Madre Terra

 

Giù le mani dalla
Madre Terra

Questa è una campagna globale per
difendere la nostra casa unica e bellissima,
Pianeta Terra, la minaccia rappresentata
dagli esperimenti di geo-ingegneria


RSOE EDIS - MAPPA

SCIE CHIMICHE: UNA PROVA UFFICIALE DELL’AERONATICA MILITARE ITALIANA

SCIE CHIMICHE: UNA PROVA UFFICIALE
DELL’AERONATICA MILITARE ITALIANA

tratto da: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it

di Gianni Lannes

Per gli esperti di regime che se ne infischiano degli effetti collaterali, è un genocidio a "fin di bene", mentre imperversano negazionisti prezzolati e/o dementi. Dalla teoria alla pratica: «II problema della trasformazione artificiale delle condizioni meteorologiche» è il titolo che si legge negli Annali di Geofisica, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (volume 16, numero 4, datato1963).

Attenzione: l’autore non è un sovversivo, un “complottista”, uno “sciachimista”, o peggio ancora un terrorista, bensì un generale dell’Aeronautica militare italiana, tale Antonio Serra. Non uno qualunque, ma il capo per anni del Servizio Metereologico dello Stato italiano. Ecco tra l’altro cosa riferisce l’alto ufficiale:

«Risultati molto promettenti delle tecniche di nucleazione artificiale dell’atmosfera, finora adoperate, per riconoscimento quasi unanime, si sono avuti dalle cosiddette formazioni nuvolose orografiche e semiorografiche, cioè legate alla presenza di catene di montagne e di colline sufficientemente alte, mentre nelle zone di pianura i risultati ottenuti non sono statisticamente apprezzabili. Ciò potrebbe far pensare alla possibilità di operare su regioni di montagna o di collina, al fine di creare riserve idriche in bacini di raccolta, occorrenti poi per la irrigazione delle zone piane. Non vi è dubbio, alla luce dell’attuale conoscenza, che esperimenti del genere siano promettenti di fecondi risultati, sia nel campo della ricerca puramente scientifica che delle pratiche applicazioni. Sono esposti brevemente i principali piani ili esperienza di laboratorio e campali realizzati dal 1947 al 1960 relativamente alla modificazione artificiale delle condizioni meteorologiche in generale e della induzione artificiale delle precipitazioni atmosferiche. Successivamente sono descritti i principi su cui sono fondate le tecniche più note sulle operazioni di induzione provocata delle precipitazioni atmosferiche. Infine sono trattati brevemente gli aspetti del suddetto problema ancora aperti alla ricerca e le varie possibilità pratiche di intervento dell’uomo sulla modificazione artificiale delle condizioni meteorologiche».


Non è tutto: dal 1961 al 1972  Nasa e Max Planck Institute hanno condotto esperimenti segreti sulla Sardegna, appunto senza il consenso popolare, iniettando il tossico bario nell’atmosfera.

Il termine chemtrails è un neologismo inventato dall’aviazione militare degli Stati Uniti d’America. Infatti, l’US AIR FORCE nel 1996 ha pubblicato il rapporto conclusivo AF 2025: “La conquista  del tempo…”.  In concreto: la capacità di scatenare precipitazioni, nebbie e tempeste sulla Terra per modificare le condizioni meteorologiche. In altri termini,  la produzione di condizioni meteorologiche artificiali, compresi terremoti e cataclismi di ogni genere, rientra in un pacchetto integrato di tecnologie militari. Un’insospettabile e formidabile arma ambientale. La manipolazione del tempo atmosferico può essere diretta contro nazioni nemiche o “nazioni amiche” senza che se ne rendano conto, può essere usata per destabilizzare sistemi economici, ecosistemi e agricolture, può sconvolgere i mercati finanziari e delle materie prime.

Da un bel pezzo la scienza accademica e ufficiale è stata asservita dal complesso militar-industriale. Alla voce H.A.A.R.P.: già nel 1987 Bernard J. Eastlund, a tal proposito, aveva depositato e registrato un illuminante brevetto.

In seguito, nel 1997, in un convegno in Sicilia (Erice) organizzato da Antonino Zichichi, uno dei padri folli del nucleare, Edvard Teller, presentò il progetto “Global Warming and ice Ages”. Che ben presto divenne operativo in gran parte del mondo. Ed è sotto i nostri occhi, sotto forma di scie chimiche dal 2002. Infatti, il 19 luglio 2001, mentre a Genova con Fini in cabina di regia, il governo totalitario e di regime procedeva alla mattanza di manifestanti pacifici e nonviolenti, mister Berlusconi e mister Bush firmavano un accordo segreto di sperimentazione climatica. Il piano criminale con il beneplacito dei presidenti della repubblica  (al contempo capi delle forze armate tricolori, tali Ciampi e Napolitano) non è mai stato né arrestato né denunciato dai successivi governanti: Prodi, Monti, Letta. Anzi, un certo Matteo Renzi addirittura, prima di sedersi a palazzo chigi, ha annunciato alla trasmissione Ballarò della Rai, la pena del trattamento sanitario obbligatorio per gli avvistatori delle cosiddette scie chimiche.

La Nato ha trasformato l’Europa in una gigantesca camera a gas. E’ in atto da 12 anni un avvelenamento di massa con sostanze tossiche aerodisperse, quali alluminio, bario, torio radioattivo, nanoparticolato metallico e polimeri artificiali. Le analisi realizzate in Francia recentemente non lasciano più dubbi. E' in corso l’avvelenamento quotidiano di milioni di ignare persone. E’ in atto un crimine contro la vita, contro l’ambiente, contro l’umanità. E va arrestato ad ogni costo.

 

Riferimenti:

https://www.youtube.com/watch?v=O5KeKYYL3Vw

S e r r a A., Su alcune esperienze di nucleazione artificiale dell’atmosfera, condotte in Sardegna dal 1° Novembre. 1961 al 31 Maggio 1962. Atti del XII Convegno Annuale della Associazione Geofisica Italiana Roma 23-24 Novembre 1962, 67-105.

 S e r r a A., Riv. Meteorologia Aeronautica. 3. Roma 1962.

S e r r a A., Riv. Meteorologia Aeronautica, 4, Roma, 1962.

http://www.annalsofgeophysics.eu/index.php/annals/article/view/5252

http://www.annalsofgeophysics.eu/index.php/annals/article/view/5252

http://www.annalsofgeophysics.eu/index.php/annals/article/view/5252/5308

  http://csat.au.af.mil/2025/volume3/vol3ch15.pdf

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=teller

http://www.rense.com/general18/scatteringEdTellerwithnotes.pdf

 http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=GROVES

http://lance-modis.eosdis.nasa.gov/imagery/subsets/?subset=Europe_3_02.2014132.terra.1km

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=SCIE+CHIMICHE

http://files.gereports.com/wp-content/uploads/2011/12/NB10460-Cloud-seeding-Langm.jpg

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=nasa 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=TERREMOTI 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=HAARP 

                                     bibliografia minima:

 

YERAART A. W.. Naiuur en Tecnici, 1 183-185, (5), Aug. 1931.

SCHAKFER V. J . , Science, 104, 457-459, Nov. 1946.

VONNEGUT B„ Jour. of Appi. Physics, 18. 593-595, (7), Jul. 1947.

LANGMUIR I.. Ani. Phyl. Hoc. Proceedi nr/s, 92, I«7-185 (3) (1948).

U. S. AVeather Bureau-Research Paper, 30. Aug. 1948.

LANGMUIR I., Study on the e (feci produced by dry ice scellini/ of stratnsclouds. Gen. Elee. Res. Lab., Sclienectady, Occasionai Report onProject Cirrus, 10, Peb. 1949.

POWERS E., War an the Weather, on artificial production of min. Chicago,

HCHAEFER V. .1., Tlie effeets produced seedint/ supercooled clouds trilli iceand silver iodide. Proceed. Cent. Roy. Met. Soc. (1950).

LANGMUIR L, Science, 112, 35 (1950).

LANGMUIR L, Science, 112, 35 (1950).

LANGMUIR I., Progress in vlowds niodifications by Project Cirrus. Geli.Elee. Res. Lab. Project Cirrus – F i n a l Report, 259, (1951).

VONNEGUT B. a n d MAYNARD K., Hall. Ani. Mei. Soc.. 32, 356, (1951).

VONNEGUT B., Scientific American, 186, 17-22 (1) J a n . 1952.

 IIAVENS B. S., IIistori/ of Project Cirrus. Gen. Elee. Rex. Lab. Schenestady,N. V. Report N° RL 756, Jul. 1952.

SCI-I A FFER V. J . , Laboratory, field, and /lii/lil esperi nienti. Gen. Elee. Res.Lab. Contract D.A. 36-039. Se. 1545, Project DA 3-90-07-022 (Project Cirrus) Final Report P t . I March 1953.

COONS R. D., GENTRY R. C., and GUNN R., First Partial Report on tlic artificio! production oj precipitation: stratisfonu clouds. Ohio, 1948. 

COONS R. D . , JONES E. L . a n d GUNN R., Second, Third, Fourth-Partial Report on artificial production of precipitation. Cumuliforin Clouds, Ohio 1948; Orografie Stratiform Clouds-California, 1949; Cuniulus Clouds, Gulf States, 1949, U.S. Weatlier Bureau Research Paper, 31, (1949), 32, (1949); 33, (1949).

BRIER G. W., Bull. Ani. Met. Hoc., 35. 118-121, (3), (1954).

BRIER G. W., Bull. A m. Mei. Soc., 36. 265-277, (6), (1955).

 LANGMUIR I., Science, Wash. D.C., 112, (2898), 34-51, (1950).

LANGMUIR I., Bull. Ani. Met. Soc., 31, 386-387, (10), (1950).

BOWEN E. G., Weatlier, 7, 204, (1952).

BOWEN E. G., Bull, A ni. Met. Soc., 33, 244-246, (6), (1952).

DAVIES D.A., Nature, London, 174, (4423), 256-258, (1954).

SERPOLAY R., Bull, Obs. Pur de Dome, Ser 2, 1, 27-31, J a n . 1953.

Z A IL A V V I)., S urvey of researcli and esperi ments in artificial rain making. Israel Raiufall Research Coimnittee Simposiuin on Artificial Rain, Hakirya, 49-55, Aug. 1951.

EYRAUD R., AC. Sci, Paris, Conip. Ren. 226. 829-831, Mar. 1948.

CALVET E., La pluie artifici-elle. Ceiitre de Redi, et d’Esp. du Genie Rural et Traveaux, 9, Paris 1949.

APENZELLER F., Agricolture Pratique, 118, 251-253, (5), Paris, May 1954.

SERRA A., Rend. Sem. Fac. Sci. Università, Cagliari, Fase. 1-2, X X I I I, 27-29 (1953).

FEA G. ed al. Riv di Meteor. Aer., 13, 3-15 (1). Roma, Genn.-Marzo (1953).

PAR J . , New York Acade my Trans. Ser. 2. 17, 621-626, (8) J u n . (1955).

SPAI? ,1., Project Scud., .Meteor. Monographs. Am. Met. Soc. 2, 5-23, ( I I ) Boston, .lui. (1957).

HALL W. F., The Weatlier Bureau ACN Project, Meteor. Monographs. Am. Met. Soc., 2. 24-26 (11), Boston, Jul. (1957).

BRAAM R. R. J r . BATTAN L. J . a n d BYERS li. R . , Artificial nucleation of cuniulus clouds. Meteor. Monographs-Am. Met. Soc., 2 ( I I ) 47-85, Boston, Jul. 1957.

KAMPE a u f i il l i . J . , KELLY J. J. a n d WEICKMANN II. K., Seeding experiments in subcooled stratus clouds. Meteor. Monographs. Am. Met. Soc. 2. 86-111 (11), Boston, Jul. (1957).

P e t t e r s s e n S., I Beports on experinients with artificial cloud nuclealion. Meteor. Monographs.-Ani. 3[et. Sor. 2, 4, (11), Boston, .lui. 1957.

O r w i l l e H. T., Summary of Oom.mittee's Findings and Rec.oni inandalions. Final Report. of t h e Advisory on Weather Control, I, 10, Washington 26 D.C. Dee. 31, (1957).

B o u c h e r R., Operai io n- overseed. Final Report of t h e Advisory Conunittee on Weather Control, II. 127-136, Washington D.C., 31 Die. (1957).

Mae C r e a d y p. B. J r . , Smith T. B., T o d d C. .1. a n d B e e s m e r k . .M Nuclei, cumulus, and seadibility studies. Final Report of t h e Advisory Conunittee 011 Weather Control, II, 137-200, Washington D.C., 31 Die. (1957).

B a r r o w s J. S., .Diete r i c k J. II., O ' D e l l C. A., K a e r n C. H., Kuquay I). i l . , S c i i a e f e r V. I., Mac C r e a d y P. B. J r . , C o l s o n D.,

W e l l s II. J . , Project skyfirc. Final Report of t h e Advisory Conunittee 011 W e a t h e r Control, II. 105-125. Washington D.C., 31 Die. 1957.

Thom H.C. S., .1 statistical method of evólution augmentation of precipitation by cloud seeding. Final Report. of the Advisory Conunittee 011 Weather Control II, Technical Report N. 1, 5-25, Washington D.C., 31 Die. 1957.

Thom II. C. S., .In evólution of 11 series of orographic cloud seeding operations. Final Report of t h e Advisory Conunittee 011 W e a t h e r Control II. Technical. Report. N° 2, 25-50, Washington D.C., 31 Die. 1957.

W a t e r m a n n A. T., Weather .1/odification. National Science Foundation. F i r s t Animai Report. 5, Washington D.C., .Imi. I960.

 J u n g e (‘., Ber. Dtsch. Welterdienst. U. S. Zone, 35. 261, (1952).

AVeickmann 11. K., Jour. of Mei., 10. 204, (1953).

Diem M., Meteor. Rundschau. 1. 261, (1948).

Rampe aufn II. .T., Das Welter und scine Ursachen. Darmstadt, Dietrich Steinkopff, 1951.

Simpson G. C., Quart. Jour. Boy. 31 et. Soc., 67, 99 (1941).

L a n g m u i r I., Jour. of Mei.. 5, 175, (1948).

H o u g h t o n lì. G.. On the physics of clouds and precipilation. Compendimi! of Meteorology Ani. i l e t . Soc. .176, Boston, (1951).

 I I o u o h t o n II. G., Jour. of Mei,, 7, 303-369, (1950).

Bowen K. G„ A unir. .Jour. Nei. Res., 3. 193, (1950).

Ludlam P. IL, Nature, 167, (4242), 254-256. London, Feb. (1951).

Ludlam F. IL, Quart. Jour. Roy. Met. Noe., 77. 402, (1951).

Ludlam F. M., Quart. .Jour. Roy. Met. Noe.. 78. 543, (1952).

Mason 15. J . , Quart. .Jour. I!»//. Mei. Noe., 78. 22, (1952).

Wo o d c o c k A. IL, Jour. of Meteor., 7, 161, (1950).

Coons R. I)., J o n e s K. L., and Gunn R., Jfull. Ani. Mei. Noe.. 29. 206 (1948).

L e o p o l d L. IL and .Moiidy W. A., Tellus-Slokholm,. 3, 44-52, (1), Febr.1951.

Bowen E. G., Quart, Jour. Roy. Mei. Noe.. 78. 37, (1952).

D e s s e x IL, Ann. de Géophys. 6. 331. (1950).

DavieS 1). A., Hepbuiìn I). and Sanson IL W., Meni, Kant, Ajrican Mei. Dep. 2. 9, (1951).

F o u h n i e r D ‘ A l b e E. .M., L a t e e k A. M. A., Rasoól- L. I. and Zaidi. Quart. Jour. Uoy. Mei. Noe., 81, 574, (1955).

F o u r n i e r D ‘ A l b e E. M., Am. (leophy. Union. (ìeopli. Monograpli. 3.106-110, (1959).

Bowen K. G., A unir. Jour. oj l’hysics.. 6. 490-497, (4). Melbourne (1953).

M a r t y d 1). F., Austr. Jour. oj Pliysics., 7. 358-364, (2), Melbourne (1954).

N e u m a n n J., Austr. Jour. oj Pliysics., 7. 522-520, (3), Melbourne (1954).

S e r p o l a y R., Bull, Obs. Puy. de Dome. Ser. 2, 3, 87, Jul.-Sept. (1956).


"Terra Muta di Gianni Lannes è un libro forte, potente, possente pari ad un tuono che esplode nelle mani e nella testa del lettore. Percorso da una corrente elettrica continua, il libro con una forza perforante racconta dal di dentro fatti e avvenimenti che ci riguardano ma che mediaticamente non hanno alcuna cittadinanza, ribalta visuali prospettiche consolidate , rompe stereotipi e luoghi comuni anacronistici, smantella le coscienze “anestetizzate e lobotomizzate” da una cecità sempre più ottundente.

Una ragnatela di interrogativi si dissemina tra le pagine di Terra Muta nel mentre l’Autore, adoperando il punto di vista focale di un giornalista coraggioso e controcorrente porta il lettore dentro le “macerie” del Belpaese che, attraverso zoomate ravvicinate, assume fattezze raccapriccianti e apocalittiche...".

{jcomments on}

Sirius


Coloro che cercano, cerchino finché troveranno.
Quando troveranno, resteranno turbati.
Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto.

 

Vota questo sito in Net-Parade

 

10000 punti ottenuti

Sito d'argento

Ti piace questo sito?
Sostienilo con un voto.
Puoi votare più volte!


 

web counter