Il sito usa cookie tecnici per il suo funzionamento. Da questo sito, a tua scelta puoi usare servizi di terze parti che potrebbero fare uso di cookie propri. Continuando nella visita accetti l'utilizzo dei cookie.

Cerca in Astronave

Canale Video Pegasus

Solo Risvegliandoci...

"E' in corso uno sforzo concentrato per prevedere e gestire il comportamento umano in modo che gli scienziati sociali e l'elite dittatoriale possano essere in grado di controllare le masse e proteggersi dalle ricadute di un'umanità libera completamente risvegliata. Solo risvegliandoci ai loro tentativi di metterci a dormire noi abbiamo una possibilità di preservare il nostro libero arbitrio."
Nicholas West


Scie Chimiche

Chi ci avvelena dal cielo?

Giù le mani dalla Madre Terra

 

Giù le mani dalla
Madre Terra

Questa è una campagna globale per
difendere la nostra casa unica e bellissima,
Pianeta Terra, la minaccia rappresentata
dagli esperimenti di geo-ingegneria


RSOE EDIS - MAPPA

La Fabian Society o il bolscevismo a piccoli passi

La Fabian Society o il bolscevismo a piccoli passi

Tratto da: http://crom.be/
Autore: Sébastien Vaas


Negli ambienti cospirazionisti si fa un gran parlare degli Illuminati, della Trilaterale, del CFR, ma nessuno sembra in grado di fare il nesso tra queste organizzazioni dal nome oscuro, né tanto meno di rivelarne gli scopi. Eppure le cose sono relativamente semplici: gli Illuminati furono fondati nel 1776 da Adam Weishaupt allo scopo, peraltro dichiarato, di eliminare la proprietà privata e di consegnare la Terra nelle mani di un’élite «illuminata». Dopo aver organizzato la Rivoluzione del 1789, essi concepirono, nel 1848, la dottrina che avrebbe consentito loro di raggiungere lo scopo, ammantato di idealismo, che si erano prefissi: il comunismo.

Infatti il comunismo non è altro che la dottrina intesa a giustificare il dominio dello Stato sulla proprietà privata, in nome della «lotta contro la borghesia». Il comunismo e gli Illuminati hanno in comune il 1° maggio – data di fondazione degli Illuminati di Baviera e importante festa del comunismo internazionale – e Spartakus, soprannome di Adam Weishaupt, nonché omonimo del movimento comunista tedesco, detto appunto «spartachista».

Il comunismo non è caduto dal cielo dopo la pubblicazione del manifesto di Marx e Engels. In realtà, il manifesto fu commissionato dall’ala inglese degli Illuminati che aveva bisogno di una base dottrinale per scatenare, nelle principali città europee, una rivoluzione simile a quella del 1789. A sole poche settimane dalla pubblicazione del manifesto, focolai di «rivoluzione» scoppiarono ovunque in Europa, una cosa del tutto improbabile se tutto ciò non fosse stato preparato in anticipo. 

Sennonché questo tentativo di prendere il potere fallì. Sembra che il successo riscontrato in Francia nel 1789 non era così facilmente esportabile, come se le altre nazioni europee avessero compreso il sotterfugio del «risveglio delle masse», manipolate come marionette dalle logge segrete. Il manifesto comunista, inizialmente anonimo, venne quindi attribuito a Karl Marx ed ebbe così inizio un intenso lavoro «di educazione». 

Va precisato che, fin dall’inizio, Marx aveva affermato che il comunismo avrebbe potuto imporsi o con le buone o con le cattive. Benché Lenin facesse parte di coloro che avevano scelto la via dell’estrema violenza, la maggior parte delle organizzazioni marxiste/illuminati non credevano in questo metodo a lungo termine e optarono quindi per la progressiva infiltrazione delle istituzioni e la modifica delle leggi affinché gli Stati diventassero a poco a poco criptocomunisti. 

Questo metodo, dapprima applicato in Francia, in Inghilterra e negli Stati Uniti, è stato denominato «socialismo amministrativo», in opposizione al «socialismo rivoluzionario». Il primo a parlarne apertamente fu H. G. Wells, mentore di George Orwell e Aldous Huxley, tutt’e tre membri della Fabian Society, il ramo marxista dell’Inghilterra.

I PROGETTI DELLA FABIAN SOCIETY

La Fabian Society fu fondata a Londra nel gennaio 1884. Sidney Webb e lo scrittore Bernard Shaw furono fin dall’inizio le principali guide dei Fabiani. Subito dopo la sua fondazione, la Società intraprese la propaganda del socialismo e lo studio delle opere di Karl Marx, di Lassalle, di Proudhon ecc.

 

 

Shaw (a sinistra) parla a una folla con London County membro WS Sanders Consiglio (a destra) 
8 Gennaio 1910

 


Deve il suo nome al famoso generale romano Quinto Fabio, detto Cunctator (il «Temporeggiatore») affermandosi così a favore di una politica progressiva, attendista, circospetta e lenta. Di fronte ad Annibale durante la seconda guerra punica (218-202 a. C.), il generale romano aveva esercitato una politica di guerriglia, senza mai affrettare gli eventi, in modo da sconfiggere il nemico per sfinimento. 

Questo metodo di avanzata lenta ma implacabile è il marchio di fabbrica della Fabian Society, la quale difende il principio di una società senza classi, una sorta di sintesi tra socialismo (Stato provvidenza) e capitalismo (leggi di mercato), il tutto finalizzato a istituire un’economia basata sul monopolio in una cornice statale mondiale. Per rispondere alle ambizioni di tale società, i suoi dirigenti ritengono che si debba avanzare un passo dopo l’altro o, per dirla con loro, «per gradi» 

L’influenza della società fabiana è enorme, e ciò è dimostrato dal fatto che molti uomini politici inglesi ne sono stati membri. Tuttavia l’importanza di un tale influsso risiede anche nel fatto che la Fabian Society è all’origine della fondazione della London School of Economics nel 1895, dietro l’impulso di Sydney Webb. 

Questa prestigiosa scuola di scienze economiche ha formato, con spirito fabiano, generazioni di dirigenti inglesi, ma anche numerosi studenti provenienti da ogni parte del mondo, spesso diventati importanti attori della vita politica ed economica dei loro paesi. 

Per esempio, vi hanno studiato l’ex presidente della Commissione europea e del Consiglio italiano Romano Prodi, il presidente John Kennedy, la regina Margherita II di Danimarca, l’ex primo ministro canadese Pierre Trudeau, il lobbista Richard Perle (soprannominato «il principe delle tenebre»), il finanziere George Soros (fondatore dell’istituto Open Society), l’ex consigliere di François Mitterrand, Erik Orsenna, e perfino il cantante dei Rolling Stones, Mike Jagger (vi resterà solo per un anno!). 

Pregno dell’ideale fabiano, H. G. Wells ha saputo sviluppare le sue idee in molti libri. Autore di successo di romanzi qualiL’Uomo invisibileLa Macchina del tempoLa Guerra dei mondi, lo scrittore ha difeso i suoi convincimenti in un’opera apparsa nel 1928, Open Conspiracy («la cospirazione aperta»), promuovendo uno Stato mondiale senza classe che abbia un controllo totale, e favorendo una drastica riduzione della popolazione mondiale grazie alla pratica dell’eugenismo («una nuova comunità umana», per usare una sua espressione). 

Infatti, fin dall’inizio H. G. Wells ha presentato le sue teorie in un libro poco conosciuto il cui titolo corrisponde esattamente alla massima massonica «Ordo ab chao»: La Distruzione liberatrice. Pubblicata nel 1914, quest’opera racconta la storia di una guerra generalizzata che culmina con la creazione di uno Stato mondiale costituito in dieci blocchi («10 circoscrizioni» secondo la formula dell’autore). È in questo libro – sottolineiamo che venne pubblicato nel 1914 – che troviamo forse per la prima volta l’espressione «Nuovo Ordine Mondiale». In seguito H. G. Wells ha persistito pubblicando, nel 1940, un libro dal titolo inequivocabile: Il Nuovo Ordine Mondiale


LA SCHIAVITÙ INVISIBILE 

Ci chiediamo cosa sia realmente uno Stato comunista, così com’è idealizzato e voluto dalle élite mondialiste. Ne abbiamo visto un esempio nella Russia bolscevica, ma bisognerebbe ancora disfarsi dalle immagini di violenza e dei gulag smascherate dopo la caduta del Muro di Berlino e che, benché reali, nascondono il problema più fondamentale di uno stato comunista: quello della messa in schiavitù di tutta la popolazione in nome del bene comune. 

Se la dottrina marxista è stata scelta dalle élite mondiali non è certo per «generosità» ma perché questo sistema garantisce un controllo totale delle masse. Benché il capitalismo (liberalismo) abbia permesso di impossessarsi di quasi tutta la Terra – attraverso gli imbrogli finanziari che ben conosciamo – questo sistema rimaneva imperfetto perché dava troppa libertà agli individui e quindi troppe possibilità di creare qualcosa che potesse sfuggire al controllo dello Stato. 

Nella società comunista «ideale», tutto è assolutamente sotto controllo, «per la maggiore felicità di tutti». Non c’è più nessuno che agisce o prenda qualche iniziativa al di fuori della piramide illuminatesca dello Stato che, pertanto, continua a estendere i suoi limiti. Conosciamo tutti la rigidità leggendaria dell’apparato sovietico, ma non va nemmeno dimenticato il formicaio che rappresenta l’amministrazione francese o americana. 

Normalmente è difficile vedere e capire come, in Occidente, lo Stato abbia progressivamente preso il contro dei cittadini, non solo dei loro corpi (vaccini, medicina inquisitrice) ma anche del loro spirito (educazione, media, psichiatria). La difficoltà sta nel fatto che le leggi liberticide sono introdotte molto progressivamente, solo dopo che la popolazione è stata intellettualmente condizionata ad accettarle, e perfino a chiederle. 

Le persone più lucide che si resero conto della bolscevizzazione dell’Occidente furono senz’altro gli intellettuali dell'Est che, in fuga dall’URSS, ritrovarono qui esattamente quello che avevano tanto detestato, con la differenza che qui la popolazione lo accettavano più facilmente. 

Oggi sempre più persone si rendono conto dell’inganno che rappresenta l’ideologia socialista. Tuttavia sono subito pronte ad abbracciare altre ideologie ancora più perverse (come l’ecologia, il riscaldamento climatico, la penuria energetica) grazie alle quali le élite giustificheranno presto una totale schiavitù energetica. Ogni nostro piccolo gesto sarà contabilizzato con il pretesto della protezione della «Madre Terra». 

Benché in Occidente alcuni si ribellino, non sanno tuttavia perché e non sono in grado di individuare il nemico: pertanto non possono agire, se non per partecipare a manifestazioni perfettamente controllate dall’apparato statale e promosse come «sfogo di tensioni». L’immobilismo del sistema statale e la propaganda dei media finiscono per sfinire i più temerari, rendendoli di nuovo perfettamente conformi. 

Allora che cosa possiamo fare di fronte a un nemico – il «Temporeggiatore» – che finisce sempre per avere il tempo dalla sua parte?

 

 

 


 

 

 

Potrebbe Barack Obama sia un socialista fabiano?

 

http://www.familysecuritymatters.org/publications/detail/exclusive-could-barack-obama-be-a-fabian-socialist


http://www.show.pp.ua/video/VEJsRWpVQnhNRkk=.html

Sirius


Coloro che cercano, cerchino finché troveranno.
Quando troveranno, resteranno turbati.
Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto.

 

Vota questo sito in Net-Parade

 

10000 punti ottenuti

Sito d'argento

Ti piace questo sito?
Sostienilo con un voto.
Puoi votare più volte!


 

web counter