Il sito usa cookie tecnici per il suo funzionamento. Da questo sito, a tua scelta puoi usare servizi di terze parti che potrebbero fare uso di cookie propri. Continuando nella visita accetti l'utilizzo dei cookie.

Cerca in Astronave

Canale Video Pegasus

Solo Risvegliandoci...

"E' in corso uno sforzo concentrato per prevedere e gestire il comportamento umano in modo che gli scienziati sociali e l'elite dittatoriale possano essere in grado di controllare le masse e proteggersi dalle ricadute di un'umanità libera completamente risvegliata. Solo risvegliandoci ai loro tentativi di metterci a dormire noi abbiamo una possibilità di preservare il nostro libero arbitrio."
Nicholas West


Scie Chimiche

Chi ci avvelena dal cielo?

Giù le mani dalla Madre Terra

 

Giù le mani dalla
Madre Terra

Questa è una campagna globale per
difendere la nostra casa unica e bellissima,
Pianeta Terra, la minaccia rappresentata
dagli esperimenti di geo-ingegneria


RSOE EDIS - MAPPA

Caverna platonica ritrovata-Confine raggiunto. E Voyager oltrepassa il sistema solare?

Caverna platonica ritrovata - Confine raggiunto.
E Voyager oltrepassa il sistema solare?

--------
Etere, orgoni e libertà - Breve storia dell’etere

tratto da: www.giulianaconforto.it
di: Giuliana Conforto

"La magnetosfera solare – eliosfera – è  una caverna reale e niente affatto platonica nel senso usuale del termine. E’ una bolla magnetica dalla quale non si può uscire ed entro la quale si proiettano gli ologrammi che gli astronomi chiamano “stelle” e/o “galassie”, ignorando che sono “ombre”  e cioè immagini in 3D. Perciò l’universo osservato è un ologramma, proiettato sulle “pareti” della caverna, cioè i tanti specchi magnetici che compongono l’eliosfera."

“Confine raggiunto. E Voyager oltrepassa il sistema solare”, riportano i titoli dei quotidiani italiani, ai primi di luglio 2013, parlando della sonda Voyager 1, l’oggetto artificiale più lontano dalla Terra. Leggendo poi l’articolo si scopre che, invece, non è così. E. G. Stone, professore di fisica al California Institute di Pasadena e direttore del progetto dichiara: “potrebbe accadere da un momento all’altro, ma potrebbero volerci anche molti anni.”

Quante volte la NASA ha annunciato di aver superato il “confine” del sistema solare? Nel 2003 la sonda raggiunse l’elioguaina (heliosheat), una regione in cui il vento solare è particolarmente intenso e si pensava che questo fosse il confine, ma non era così. Lo scorso anno 2012, in agosto, Voyager 1 aveva raggiunto una zona chiamata “regione a esaurimento”, una sorta di strato magnetico che sembrava essere il confine. Ancora no, non lo era.

Nel disegno sono segnati i raggi cosmici galattici che invece non sono stati osservati

L’ultimo annuncio è avvenuto il 27 giugno 2013 e ha dimostrato che i modelli teorici non quadrano con i dati sperimentali.

In 35 anni di attività la Voyager 1 ha percorso una distanza pari a 125 volte la distanza terra-sole, mentre la sonda gemella, la Voyager 2, è di poco più indietro. In giugno 2013, la quantità di raggi cosmici segnalata da entrambe è diminuita progressivamente e, negli ultimi mesi, si era ridotta in modo così drastico, tanto da indurre a credere che questa fosse la volta buona. Tuttavia l’indicatore principale – un cambiamento drastico del campo magnetico solare – non c’è stato e quindi la sonda non è affatto uscita dall’influenza solare.

Il disegno della NASA secondo gli ultimi dati. Crediti NASA

I commentatori e divulgatori italiani sembrano certi che prima o poi le sonde Voyager raggiungeranno il “confine” e non riportano i risultati della sonda IBEX (Interstellary Boundary Explorer) che lo ha già esplorato, in altri modi, scoprendo uno strano nastro brillante (ribbon) che viene riflesso dal “confine” il quale si comporta come uno specchio magnetico.

Il nastro osservato sul

“Ci sembra di esplorare una caverna misteriosa diceva Arik Posner, direttore del programma IBEX alla NASA. “Osservando IBEX, ci accorgiamo che il sistema solare è come una candela, le cui luci sono riflesse sulle pareti della caverna e riflesse verso di noi”

Il modello teorico che considera il

“I modelli che abbiamo immaginato finora sono tutti sbagliati” ha dichiarato  Stomatios Krimigis direttore del Dipartimento Spaziale nel 1991. Il sole produce un plasma di particelle cariche – noto come vento solare – che viaggia a velocità supersoniche fino all’eliosfera, la bolla magnetica che avvolge il sistema solare. Un anno fa Voyager 1 aveva segnalato che il vento solare era diminuito di un fattore 1000. Era stata una riduzione repentina, avvenuta in pochi giorni, mentre i raggi cosmici erano, invece, aumentati notevolmente. Quindi tutti pensavano che Voyager 1 avesse abbandonato l’eliosfera. Invece non era così. Qual’era dunque il problema? È che tutti si aspettavano che nel mezzo interstellare – fuori dall’eliosfera – i raggi cosmici si muovessero in tutte le direzioni. Invece no, provenivano tutti da un’unica direzione preferenziale, il sole. Mentre il vento solare era diminuito drasticamente, il campo magnetico era rimasto intatto, senza la ben che minima variazione. Il fatto difficile da spiegare perché tutti credono che il campo magnetico galattico sia inclinato di 60° rispetto a quello solare. “E’ una grossa sorpresa” dicono gli astronomi credenti nel principio copernicano.

Chi come me preferisce verificare, oggi può scoprire che il “cielo” non soddisfa affatto questo principio. Lo spazio non è vuoto, bensì pieno di plasma che ha struttura cellulare e comportamenti coerenti su vaste scale. Come riporto in Baby Sun Revelation, tale struttura può essere descritta da una geometria frattale - definita da H. Poincaré – che mostra la reale natura dello spazio che ci circonda.  E’ una sala di specchi in cui osserviamo infinite immagini e in diverse prospettive di pochi corpi celesti. 
La magnetosfera solare – eliosfera – è  una caverna reale e niente affatto platonica nel senso usuale del termine. E’ una bolla magnetica dalla quale non si può uscire ed entro la quale si proiettano gli ologrammi che gli astronomi chiamano “stelle” e/o “galassie”, ignorando che sono “ombre”  e cioè immagini in 3D. Perciò l’universo osservato è un ologramma, proiettato sulle “pareti” della caverna, cioè i tanti specchi magnetici che compongono l’eliosfera.

La Sorgente del possente campo magnetico potrebbe poi non essere il sole giallo, visibile in cielo, bensì il SOLE NERO al centro della Terra, il buco nero ruotante che muove la sfera celeste e genera i suoi tanti moti. Per comprendere la Sua funzione di MOTORE PRIMO, dobbiamo riconoscere l’esistenza dell’ETERE RUOTANTE che non è mai stato smentito e oggi è ritornato per spiegare fenomeni altrimenti inspiegabili.



Etere, orgoni e libertà
Breve storia dell’etere

Secondo il credo comune, i limiti delle risorse sono effetti di studi scientifici. La sindrome della scarsità ha sempre afflitto i popoli ed è ancorata all’idea che la terra sia una palla di roccia, vagante nello spazio “vuoto”, e distante 150 milioni di km dalla sua fonte di energia, il sole, che produce calore e luce con la fusione nucleare calda. Molti fatti smentiscono questa immagine, inculcata sin dalle elementari. Ne cito alcuni. La fusione calda nel cuore del sole dovrebbe produrre neutrini che, invece, non sono osservati. Il calore che sta fondendo i ghiacci sulla superficie terrestre, proviene dal sottosuolo. La terra è una potente sorgente di flash gamma; il “vuoto”, che la circonda, è pieno di plasma a velocità supersoniche; il “vuoto” che permea il sistema solare è pieno di raggi cosmici, plasma e vento solare: il “vuoto” che permea ogni atomo, quindi ogni corpo fatto di atomi, è una schiuma quantica. Il “vuoto” non esiste.

“L’etere riporterà l’armonia nel mondo” scriveva Aristotele. Platone parlava di cinque elementi – fuoco, aria, acqua, terra, etere – e li collegava ai cinque solidi geometrici che, in seguito, Eulero avrebbe riconosciuto come gli unici poliedri regolari convessi. Gli antichi filosofi posero così le basi della scienza delle forme, la geometria, legata alla musica. “Il linguaggio della natura è musica e canto” scriveva Giordano Bruno. La scienza meccanica è sorta sulla diatriba tra Newton e Leibniz. Per Newton la realtà è lo spaziotempo – assoluto – sul quale si muovono i corpi, oggetti estranei che non lo perturbano. Per Leibniz è data dalle messaggere Intelligenti – monadi – che generano forme simili su tutte le scale, ovvero una geometria frattale. La meccanica di Newton ha vinto e marchiato a fuoco le menti umane. Oggi la scienza ortodossa riconosce il ruolo cruciale della coscienza, ma non discute la realtà dei suoi fondamenti, quelli che nel mio libro Baby Sun Revelation chiamo i “dinosauri mentali”: spazio, tempo e massa.

Le scienze erigono teorie, le religioni teologie, le matematiche teoremi.

Gli uomini non sanno cosa sia la realtà, ma credono a quella dei “dinosauri”, credono al “dio unico” - il tempo – in base al quale si calcola tutto, salari, debiti, profitti bancari, le orbite delle stelle e persino la loro età. Nella loro breve vita gli uomini sono spettatori e consumatori, a volte elettori, ma sempre afflitti dai limiti di energia e dalla sindrome della scarsità. E’ reale? No, inventata dalle menti grigie che non sanno rispondere alla domanda: “che cos’è la Vita?” La Forza che genera i tempi e cioè le rotazioni, copulando con la materia, secondo me.

Il nostro giorno dipende dalla rotazione della terra intorno a se stessa, l’anno della terra intorno al sole. I tempi dipendono dalle velocità di rotazione, il moto di tutti i corpi, dai più minuscoli – le particelle elementari – a quelli giganti quali pianeti, stelle e galassie. Per quelli piccoli la rotazione è definita dallo spin in fisica e, per quelli grandi, dal momento angolare. Lo spin può cambiare, il momento angolare no, dice la fisica. La salute del corpo umano dipende all’orientamento degli spin nucleari, mostra la Risonanza Magnetico Nucleare, e se questo cambiasse la guarigione sarebbe possibile. L’orientamento caotico – legato alla malattia – può dipendere da una scarsa vitalità, una ridotta interazione del nostro corpo con il copioso fiume di bosoni Z che in attimi e a miliardi lo “bagnano”. È il lato della Forza Elettrodebole che può allineare gli spin nucleari, forse la Vita che ci può guarire, se finalmente la amiamo e la comprendiamo. 

La crisi è culturale

L’universo osservato, appena il 4% della massa oggi calcolata dagli astrofisici, non solo espande, ma ha accelerato la sua espansione negli ultimi decenni.[1] La causa sarebbe una misteriosa “energia oscura” – il 74% massa calcolata – che sta vincendo l’attrazione di gravità. Ciò smentisce la teoria del Big Bang e l’idea che la “realtà” sia composta di corpi materiali, divisi tra loro dallo spazio “vuoto” che è… pieno di energia oscura.

Lo dimostra l’effetto Casimir, efficace sulle dimensioni nanometri, tipiche dei nostri nuclei cellulari. All’interno di questi c’è il codice genetico – il DNA – che genera funzioni di alta complessità e dimostra la natura olografica degli organismi.

La forma A del DNA umano ha una rotazione oraria, mentre la rotazione di quasi tutti i corpi – dalle proteine del nostro corpo alle galassie a spirale – è antioraria. Un mistero è la non parità tra i due versi di rotazione, orario e antiorario. Se però includiamo gli osservatori, la parità c’è. Allora emerge la centralità della coscienza di cui l’essere umano potrebbe essere la migliore espressione. La materia bianca del suo cervello non usa l’elettricità, cioè non interagisce con il campo elettromagnetico che è bipolare ed è un lato della Forza Elettrodebole. Potrebbe interagire con l’altro lato – il debole – che è uno e trino, cioè portato da tre bosoni, tra cui quelli neutri, Z. La “conoscenza” però non lo sospetta, crede alla “separazione” tra terra e cielo, tra bene e male, tra uomo e un “dio” perverso che prima crea il sesso e poi lo proibisce. La “conoscenza” è la logica del potere, sancita dal motto “divide et impera” dell’antico impero romano, sostituito poi dal papato… Grazie a tale “conoscenza” non c’è libertà.

La vera crisi è culturale, riguarda le idee che scambiamo per “realtà”: tempo unico, denaro virtuale, “garantito” dall’FMI, debito… L’universo osservato può essere l’effetto non di un’evoluzione nel tempo, bensì di una solidificazione che ha congelato alcuni momenti angolari che così sono apparsi alla vista umana. Per la fisica il momento angolare sarebbe costante se lo spazio fosse isotropo. Non lo è, dimostrano i fatti.

Ad esempio quello della terra cambia durante le eclissi solari (fig. 1)

Fig. 1 – Durante le eclissi solari c’è l’allineamento tra sole, luna e terra e la rotazione del piano di oscillazione del pendolo – legata alla rotazione della terra – cambia. Da oraria, diventa antioraria per tutta la durata dell’eclisse. Una volta finito l’allineamento, ritorna oraria. È uno dei tanti indizi di un etere che pervade il “vuoto” con una rotazione sia oraria che antioraria, evidente solo durante l’allineamento

 

La realtà non è fatta di corpi separati dal “vuoto”, bensì di rotazioni, vortici, impulsi, cioè movimenti di cui alcuni sono così lenti da apparire costanti. L’universo osservato è un ologramma di cui non osserviamo le cause perché non sono accessibili ai sensi, né sono riconoscibili dalle menti credenti ai “dinosauri mentali” – spazio, tempo e massa – ormai in estinzione. L’energia cinetica, legata alla rotazione, è oscura, presente in ogni corpo, terrestre o celeste, e in ognuna delle particelle che lo compongono. Le cause possono essere minuscoli vortici dell’etere ruotante che permea il “vuoto” e si auto-alimenta con rotazioni “opposte”, oraria e antioraria; i mini vortici possono coincidere con le particelle di Planck – micro buchi neri e bianchi ruotanti – dimensioni ridottissime, e massa notevole – circa 22 g – pari a quella di una gocciolina d’acqua.[1]

 

L’Universo Organico

Le particelle di Planck possono coincidere con gli orgoni scoperti da Wilhelm Reich e rivelare che il linguaggio universale non è la matematica. È la MUSICA, l’insieme dei tanti movimenti che possono essere più o meno celeri, più o meno in sintonia con la Fonte della Vita, il Sole al centro della Terra. È il Cuore Cristallino, riconosciuto dallo studio della propagazione dei sismi: non emette la luce elettromagnetica, facilmente osservabile, ma suoni nucleari deboli difficilmente “udibili”, capaci però di trasmutare la materia nucleare – i quark – ed estinguere l’altro “dinosauro mentale” – la massa – “espandere” l’universo osservato in… apparenza. Il redshift, che misura l’espansione secondo l’ortodossia, potrebbe dipendere da una riduzione della velocità della luce, considerata “insuperabile”. Al centro di ogni galassia, oggi si sa, c’è un buco nero, in istantanea connessione con le stelle che nascono alla periferia.

All’interno dei buchi neri la velocità è superiore a quella della luce.

I nuclei delle galassie sono buchi neri massicci che guidano la loro evoluzione.

I nuclei cellulari guidano le funzioni delle cellule e degli organismi, composti di cellule.

Se l’etere è la Sostanza Madre, il “vuoto” che genera tutte le rotazioni, l’universo osservabile è una matrix – un ologramma – di cui abbiamo osservato finora solo le velocità inferiori a quella della luce. Se il “vuoto” è composto di particelle di Planck, la matrix è connessa all’istante all’eterno Universo Organico che, con il campo debole – il Messaggio vitale secondo me – testimonia la Sua e la nostra umana vitalità.

La MUSICA comprende la matematica, ma non è solo matematica.

La MUSICA celeste si sente non con l’udito, ma con quella sofisticata materia organica che è la materia bianca del proprio cervello, capace di percorrere le “infinite vie della Vita” – wormholes – che uniscono all’istante la matrix osservata all’Universo Organico. Osservare le proprie emozioni è liberarsi dalla “logica” bipolare che coltiva la battaglia delle idee o delle varie teorie, crea problemi che non sa risolvere.

La realtà è un insieme non di oggetti divisi, bensì di movimenti ruotanti che possiamo sentire come eros ed emozioni. La libertà richiede una rivoluzione della cultura duale o bipolare, la consapevolezza dei propri veri bisogni e la volontà di soddisfarli, senza depredare la natura o gli altri. La libertà è la coscienza, l’unità con la Vita.




[1] Il raggio sarebbe di 10-33 cm (1 preceduto da 32 zeri)  il tempo 10-44 s (1 preceduto da 43 zeri).

 

[1] La scoperta è stata premiata con il Premio Nobel, nel 2011

{jcomments on}

Sirius


Coloro che cercano, cerchino finché troveranno.
Quando troveranno, resteranno turbati.
Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto.

 

Vota questo sito in Net-Parade

 

10000 punti ottenuti

Sito d'argento

Ti piace questo sito?
Sostienilo con un voto.
Puoi votare più volte!


 

web counter