Il sito usa cookie tecnici per il suo funzionamento. Da questo sito, a tua scelta puoi usare servizi di terze parti che potrebbero fare uso di cookie propri. Continuando nella visita accetti l'utilizzo dei cookie.

Cerca in Astronave

Canale Video Pegasus

Solo Risvegliandoci...

"E' in corso uno sforzo concentrato per prevedere e gestire il comportamento umano in modo che gli scienziati sociali e l'elite dittatoriale possano essere in grado di controllare le masse e proteggersi dalle ricadute di un'umanità libera completamente risvegliata. Solo risvegliandoci ai loro tentativi di metterci a dormire noi abbiamo una possibilità di preservare il nostro libero arbitrio."
Nicholas West


Scie Chimiche

Chi ci avvelena dal cielo?

Giù le mani dalla Madre Terra

 

Giù le mani dalla
Madre Terra

Questa è una campagna globale per
difendere la nostra casa unica e bellissima,
Pianeta Terra, la minaccia rappresentata
dagli esperimenti di geo-ingegneria


RSOE EDIS - MAPPA

La Sezione Aurea: l’architetto della Natura?

La Sezione Aurea: l’architetto della Natura?

tratto da: http://www.shan-newspaper.com/
di Marco Pulieri

La magia di un piccolo numero che regola l’Universo. L’armonia delle forme contenuta nella “Proporzione Divina”. Il senso estetico e creativo e il potere comunicativo del “numero d’oro”

Accade spesso che la nostra attenzione, di solito assorbita dall’incombente vissuto ordinario che ci spinge in corse affannose e verso traguardi che non sempre rispecchiano le nostre reali esigenze, distraendoci dall’ambiente che ci circonda, venga improvvisamente catturata da particolari elementi della Natura.

Può capitare infatti di imbatterci in forme che destano meraviglia per la straordinaria armonia e bellezza che esprimono, ma anche per il mistero che in modo velato, eppur percepibile, si intuisce essere presente dietro la complessità delle loro forme.

Sarà capitato a tutti, ad esempio, di contemplare affascinati la perfetta struttura spiraliforme di una conchiglia raccolta sulla spiaggia o quella di alcuni vegetali come il cavolfiore romano o l’ananas che portiamo sulle nostre tavole, cosi come quella fantastica di un alveare.

Non si può fare a meno di rimanere stupiti di fronte all’armonia e all’incredibile geometria di queste strutture e sorgono spontanei interrogativi sulla genesi di questa perfezione, sia che si reputi sbocci per pura casualità o piuttosto scaturisca dall’impulso di un misterioso programma presente in Natura.

A margine di queste legittime domande ci si può porre un ulteriore interrogativo che normalmente non trova un’immediata risposta, ossia perché associamo spontaneamente quelle forme a uno spiccato senso estetico? Cos’è insomma che le rende affascinanti?

Possiamo supporre che l’attrazione verso queste meraviglie della natura non sia del tutto casuale ma scaturisca da un fattore nascosto, un principio potremmo dire archetipale, che sottende a queste e a infinite altre strutture e fenomeni dell’universo, e che, in virtù dell’ormai assodato principio quantistico dell’entanglement, ossia dell’indissolubile interconnessione esistente tra tutte le cose della Natura, risiede anche nell’uomo.

Può sembrare incredibile ma queste strutture naturali hanno in comune un precisissimo linguaggio matematico!

Pur sostanzialmente diverse per costituzione rivelano un denominatore comune che determina quella particolare e unica disposizione dei loro elementi di base secondo un preciso rapporto numerico che, come vedremo, non potrebbe essere diverso.

Sin dall’antichità a questo valore è stato dato il nome di sezione aurea o proporzione divina proprio per la perfezione, connotato appunto ultraterreno, che era in grado di esprimere.

In cosa consiste questo fenomeno matematico che una volta individuato ci coinvolgerà in una infinita ricerca tesa a scoprirne l’esistenza nelle numerose manifestazioni della Natura e in altrettanti campi applicativi della creatività umana?

È sostanzialmente un rapporto matematico che si identifica nel phi greco equivalente al valore numerico di 1,618... Questo rapporto matematico segue una regola ben precisa secondo la quale in due grandezze disuguali, la maggiore è medio proporzionale tra la somma delle due e la minore: in altri termini, se prendiamo l’esempio di una retta suddivisa in due segmenti, il tratto più corto sta al tratto più lungo come il tratto più lungo sta al segmento intero.

La similitudine tra la forma a spirale logaritmica di un enorme ciclone e quella della conchiglia Nautilus

Così si ottiene una sezione aurea che si esprime sempre con il numero 1,618.

Di per sé questo risultato può non dire molto e sembrare una regola matematica come tante altre e fine a se stessa, se non fosse che in realtà è un numero che si rivela avere un’inquietante e sorprendente frequenza nelle manifestazioni della Natura. Come mai?

La prima tappa per cercare di far luce sulla questione è soffermarsi un istante sulla nota sequenza numerica di Fibonacci, il matematico italiano del 1200 che prendendo spunto dalla necessità di risolvere un problema numerico posto da una situazione di vita reale, individuò la possibilità di formulare una successione matematica particolare basata su una regola semplicissima ma molto intrigante: un numero qualsiasi della stessa è l’esatta somma dei suoi due precedenti.

Si ha quindi una progressione numerica di questo tipo 1,1,2,3,5,8,13,21,34,55,89,ecc.

La faccenda si intrica ancor di più dal momento che regole geometriche e matematiche sembrano intersecarsi in uno stesso valore e se pensiamo che allo stesso tempo questa sequenza ha anche la caratteristica di possedere la regola che il quoziente fra un numero della successione e il precedente corrisponde esattamente al nostro ϕ (phi), ossia a 1,618 che abbiamo appena incontrato.

Il crop circle a forma di spirale logaritmica comparso nei pressi di Stonehenge nel 1996

Si inizia quindi a intuire che questa particolare proporzione numerica identificabile con il ϕ non è solo un fenomeno riconducibile alle bizzarrie del mondo matematico, ma evidentemente deve contenere in sé un elemento inafferrabile e allo stesso tempo incisivo che lo rende misterioso.

Ma il segreto maggiore sembra risiedere soprattutto nel senso di armonia che custodisce poiché, come vedremo, appare come il codice naturale con cui decifrare le straordinarie forme di moltissimi fenomeni dell’universo e della creatività umana.

Viene da chiedersi a questo punto perché questo rapporto numerico è stato considerato sin dall’antichità di origine divina, quali sono cioè gli attributi manifesti o nascosti che, ad esempio, il matematico italiano Luca Pacioli decantava nel 1509 con la pubblicazione del suo celeberrimo trattato “De Divina Proportione”, scritto in collaborazione con Leonardo Da Vinci.

L’aggettivo “divina” è stato nel tempo attribuito alla sezione aurea perché manifestava qualità che l’uomo ha da sempre naturalmente ricondotto alla divinità in senso generale: essa è infatti “unica” nel suo genere, è “trina” perché abbraccia tre termini (come si può evincere dall’esempio della retta suddivisa nei due segmenti che tra loro sono in proporzione aurea e che nel loro insieme ricostituiscono l’unità della stessa), è “indefinibile” in quanto composta da un numero irrazionale, è “invariabile”, ma allo stesso tempo creativa, perché dall’unità iniziale si possono generare un numero infinito di elementi che, mantenendo sempre tra loro il rapporto aureo, non mutano la natura dell’unità iniziale ma la riflettono all’infinito.

 

La tabella che indica le distanze planetarie del nostro sistema solare regolate dalla sequenza dei numeri di Fibonacci

Per questa ultima proprietà prendiamo ad esempio il rompicapo geometrico del pentagono stellato al cui interno è possibile inscrivere, attraverso le diagonali che partono da ogni vertice e che stanno in rapporto aureo con il lato, una stella a cinque punte al cui interno viene inscritto, a sua volta, un altro pentagono perfettamente proporzionale al primo, secondo la sezione “divina”, in cui sarà presente un’altra stella a cinque punte, e così via all’infinito.

Stesso identico fenomeno di progressione infinita avviene utilizzando il cosiddetto rettangolo aureo, un poligono i cui lati stanno fra loro secondo il valore di 1,618.

La curva che passa per i vertici consecutivi di questa successione infinita di rettangoli è una spirale particolare detta logaritmica che troviamo spesso nelle conchiglie, ma anche nella conformazione degli uragani e delle galassie.

Tuttavia senza addentrarsi in sofisticati principi matematici o disquisizioni filosofico-esoteriche, per rimanere affascinati dalle implicazioni della proporzione aurea basti pensare a quale può essere il denominatore comune tra un cavolfiore, una lumaca Nautilus, una pigna, la molecola del DNA e la nostra galassia!… solo per citare alcuni esempi.

Ebbene, forse a questo punto il lettore lo avrà già intuito, può sembrare incredibile ma queste manifestazioni della Natura così diverse fra loro sono accomunate dalla misteriosa sequenza di Fibonacci che determina la loro struttura di base.

I rettangoli aurei racchiusi nella struttura a spirale della conchiglia Nautilus

Nelle brattee della pigna, come nell’ananas e nei semi nel girasole, ad esempio, nella disposizione dei loro caratteristici elementi strutturali si verifica la formazione di una doppia serie di spirali, orarie e antiorarie, le cui quantità corrispondono esattamente a dei numeri della sequenza di Fibonacci (nel girasole sono sempre in numero 34 e 55, nella pigna 8 e 13 oppure 8 e 21).

Questi dati, è interessante precisarlo, provengono da uno studio comparativo molto approfondito mirato a verificare la possibile casualità della manifestazione del rapporto aureo in natura: nell’esempio dell’ananas e della pigna non è stata riscontrata alcuna eccezione rispettivamente su 2000 e 4000 osservazioni!

È stata scientificamente appurata la presenza della regola aurea anche in un altro fenomeno della Natura come l’alveare. Al suo interno infatti regna lo schema di un albero genealogico che distingue le api femmine dai fuchi (maschi) regolato inesorabilmente dalla sequenza di Fibonacci, mentre il rapporto tra il numero di individui femmine e maschi è pari anch’esso alla sezione aurea.

Il matematico Leonardo Fibonacci ideatore della sequenza numerica

Anche il numero dei petali di un fiore così come l’angolazione della disposizione dei petali della rosa risponde alla stessa logica e, proiettandoci nell’infinitamente piccolo di una molecola di DNA piuttosto che nella grandezza infinitamente grande dei bracci a spirale di una galassia, ci ritroveremo sempre di fronte allo stesso identico fenomeno: sono entrambi regolati dagli stessi valori numerici che abbiamo imparato a conoscere.

Nel primo esempio infatti il DNA è costituito da due eliche perpendicolari che si intrecciano a spirale e la lunghezza della curva in ciascuna di queste eliche è 34 angstrom mentre la larghezza è 21 angstrom e questi numeri, neanche a dirlo, appartengono alla serie di Fibonacci.

Per tornare alla dimensione macrocosmica ci sorprenderà scoprire che l’intero sistema solare è regolato come un orologio dal rapporto aureo; infatti le distanze che separano i pianeti interni dal Sole stanno fra loro nelle proporzioni della successione di Fibonacci secondo i valori Sole 1, Mercurio 1, Venere 2, Terra 3, Marte 5; i pianeti esterni distano da Giove secondo la stessa esatta sequenza, Giove 1, Saturno 1, Urano 2, Nettuno 3, Plutone 5, ossia tutte grandezze della sequenza di Fibonacci.

In Natura si riscontra un altro fenomeno straordinario in stretta relazione con il principio della sezione aurea, ossia il fattore “angolo aureo” che, come la prima, determina un particolare sviluppo di molte strutture naturali.

La caratteristica struttura a forma di spirale logaritmica delle galassie

La morfologia della disposizione delle efflorescenze del girasole, esempio che abbiamo già incontrato, al pari della conformazione di un cristallo di neve o delle linee di accrescimento dei rami in un albero, sono determinati da una regola distributiva che segue inequivocabilmente un rapporto angolare molto preciso equivalente a 137,5 gradi che è il valore appunto dell’angolo aureo, derivato dalla proporzione tra l’angolo giro (360 gradi) e il nostro numero ϕ.

Questi comportamenti fanno intravedere l’esistenza di una legge naturale che consente l’ottimizzazione dello sfruttamento dello spazio a disposizione in cui gli organismi dispongono i loro elementi vitali o riproduttivi, come avviene ad esempio nel girasole, nella pannocchia di mais o nella sequenza di distribuzione delle foglie nuove in una pianta.

La spirale logaritmica nelle brattee della pigna seguono i valori della sezione aurea

Per comprendere la portata di questo meccanismo consideriamo che se ciò avvenisse seguendo invece uno scarto angolare minimo (pensiamo ad esempio a un numero intero come 120 gradi anziché i 137,5 dell’angolo aureo), cambierebbe totalmente, e penalizzandolo molto, il fattore distributivo, producendo, nel caso della pianta, la sovrapposizione dell’angolazione delle foglie in crescita con la relativa perdita di preziosa superficie irraggiata, oppure nel girasole e nella pannocchia l’occupazione da parte delle efflorescenze solo di una limitata porzione della superficie disponibile dell’organo, lasciandone scoperta e inutilizzata la gran parte rimanente.

Anche un cristallo di neve segue rigorosamente questa legge; infatti la sua crescita avviene attraverso un processo di sviluppo delle sue ramificazioni che aderisce perfettamente all’angolo aureo.

L’esistenza di un fenomeno simile regolato da una legge così precisa e ferrea stupisce e suscita allo stesso tempo la riflessione su come sia possibile che gli organismi e anche gli oggetti possano “sapere” quale linea di sviluppo seguire per ottimizzare la loro crescita. Certo, molti scienziati ritengono che ciò sia dovuto al processo evolutivo cosmico che di per sé seleziona le modalità migliori e vincenti per l’affermazione nel tempo degli organismi, ma questa spiegazione basata solo sulla casualità degli eventi non è del tutto convincente.

La materia sembra, più che altro, che “sappia” di organizzarsi e manifestarsi secondo questa precisa legge geometrica… sarebbe azzardato poter dire secondo un programma universale predefinito?

Le scienze cosiddette esatte come la fisica e la chimica, o l’anatomia e la neurologia, ma anche alcune umane tra cui la psicologia, ci aiutano a identificare la Sezione Aurea grazie ad alcune ricerche d’avanguardia.

 

Nella fisica ad esempio viene coinvolta la teoria delle stringhe, la più accreditata teoria fisica per spiegare la struttura dell’Universo. Senza addentrarsi in complessi ragionamenti matematici è sufficiente constatare che esistono interessanti relazioni tra la sequenza di Fibonacci e i numeri corrispondenti alle dimensioni spazio-temporali descritte nella teoria delle stringhe e in particolare che tale rapporto equivale esattamente al doppio dei numeri di Fibonacci.

 

Partendo infatti dal presupposto della teoria bosonica dell’universo a 26 dimensioni e della relativa teoria della supersimmetria a 10 dimensioni si ipotizza che la differenza tra loro, 16, sia il numero di dimensioni che, dall’origine dei tempi, si sono ripiegate su se stesse. Si sostiene anche l’ipotesi che il Big bang abbia preso vita dal collasso di un universo a 10 dimensioni in due universi, uno da 4 e l’altro da 6 dimensioni.

 

Ecco quindi che dividendo per due questi valori torniamo sorprendentemente alla ormai nota sequenza di Fibonacci.

 

In chimica è stato accertato che i numeri di Fibonacci in alcuni nuclei regolano il rapporto tra il numero di protoni e neutroni; quando questa relazione si instaura, l’atomo in cui si trovano risulta molto più stabile, quindi più in equilibrio di tutti gli altri.

 

Anche spostando l’attenzione alla sfera della fisiologia umana continuiamo a stupirci scoprendo che la “proporzione di Dio” è presente nei microtubuli del cervello, cioè quelle parti deputate al controllo dell’interazioni di tipo quantistico che secondo gli scienziati consentono all’uomo di avere coscienza di se stesso. Sembra che al loro interno, con la funzione di gestire gli errori di memoria, siano presenti dei pattern molecolari ripetuti che compaiono, neanche a dirlo, con la frequenza del rapporto aureo.

 

E cosa dire della cellula umana che non ha proporzioni esattamente sferiche bensì più vicine a quelle dell’ovoide aureo dove lunghezza e larghezza sono anch’esse in rapporto aureo? E dell’utero dell’età di maggiore fertilità femminile che sembra rispettare nelle stesse grandezze l’identico valore?

Le proporzioni auree nell’architettura del Partenone

Infine eccoci arrivati al corpo umano; tutti noi conosciamo la rappresentazione di Leonardo dell'uomo di Vitruvio in cui l’essere umano viene inscritto nelle due figure geometriche ritenute perfette, il quadrato e il cerchio. Ebbene, da questo stupendo disegno del maestro rinascimentale si evince ancora una volta la presenza della sezione aurea; mettendo infatti in relazione tra loro le misure dei due segmenti ottenuti dall’intersecazione dell’altezza dell’uomo con una retta passante per l’ombelico si riscontra la “proporzione divina”.

Lo studio di Leonardo è un magnifico tributo alla magia di quel misterioso numeretto che produce armonia nelle forme e nei rapporti in tutta la Natura e quindi, per riflesso, anche nelle proporzioni umane. Non bisogna dimenticare che lo stesso Leonardo si è ispirato in questa sua opera agli studi compiuti circa 1400 anni prima dall’architetto romano Vitruvio che aveva descritto dettagliatamente tutti i rapporti di lunghezze esistenti nell’uomo. Possiamo infatti facilmente verificare l’esistenza della proporzione aurea tra le lunghezze delle falangi del dito medio e anulare rispetto al dito intero o tra il braccio e l'avambraccio e ancora tra la gamba e la sua parte inferiore.

Questa ricerca può essere trasposta anche sulla simmetria e armonia dei vari elementi componenti il viso umano, occhi, naso, mento, bocca, fronte, nelle quali è possibile identificare sempre il valore ϕ (phi), sia attraverso la relazione tra le loro reciproche distanze sia tra i valori delle rispettive larghezze e altezze.

Sembrerebbe quindi che i canoni di bellezza e armonia secondo il luogo comune rispondano a dei precisi criteri valutativi che vengono sollecitati dalla spontanea tendenza dell’uomo ad essere inconsapevolmente, e per magia, attratto dalle forme che in Natura contengono il rapporto aureo.

Nel triangolo pentastellato si riproduce all’infinito la sezione aurea

Lo psicologo Gustav Theodor Fechner (1801-1887) compì alcuni interessanti esperimenti in questa direzione con l’intento di dimostrare che nella mente umana esiste un meccanismo elaborativo che suscita sensazioni piacevoli al cospetto del rapporto aureo.

Il suo esperimento consisteva nel far scegliere ad alcune persone tra molte diverse figure di rettangoli, che includevano anche quello aureo, quella che preferivano. La sua ricerca inizialmente sembrò confermare la tendenza a scegliere quello aureo, ma gli scettici confutarono i risultati degli esperimenti adducendo una certa approssimazione nella conduzione delle indagini; queste furono perciò nel tempo modificate e ripetute al punto tale che la sua teoria non fu più confermata, finché nel 1997 venne messa definitivamente a tacere.

Eppure la tendenza emersa dai primi esperimenti sembrerebbe coerente con il meccanismo valutativo con cui apprezziamo o meno gli oggetti; risulta infatti difficile comprendere perché allora il campo dell’arte, e in particolar modo della pittura, è colmo di straordinarie opere ritenute universalmente capolavori di ineguagliabile bellezza che, osservate sotto un profilo non squisitamente estetico o evocativo ma semplicemente compositivo, rivelano l’immancabile sezione aurea nell’armonia delle forme, delle linee e delle aeree principali che le compongono.

Soprattutto nel periodo rinascimentale, ma come vedremo non solamente, l’arte sembra mostrare da parte degli artisti un approccio scientifico-matematico e le loro opere risultano essere una sublime sintesi di canoni estetici e criteri tratti dall’osservazione e riproduzione dei modelli della natura.

Nella disposizione dei petali della rosa si ritrova l’angolo aureo

Ancora una volta dobbiamo tirare in ballo il nostro Leonardo da Vinci con la sue famose opere la Monna Lisa, il San Gerolamo e la Vergine delle Rocce, o l’illustre collega Sandro Botticelli con la sua altrettanto celeberrima Primavera, solo per citarne alcuni. In questi dipinti infatti gli elementi essenziali della composizione figurativa, come i rapporti simmetrici del viso o la distribuzione delle masse figurative sono eseguiti ricalcando indiscutibilmente la “Proporzione Divina”.

Molti secoli più tardi un grande artista dell’età contemporanea, Piet Mondrian, un pittore appartenente alle correnti del cubismo e dell’astrattismo, si dedica alla ricerca di nuovi canoni espressivi che si astraggano dalla soggettività emotiva delle pulsioni interiori per cercare di approdare a un’espressione che rispecchi l’oggettività della vita reale.

Egli sosteneva che, se le cose in natura sembrano continuamente variare, la realtà invece rimane costante. Alla luce di questo principio si pose quindi alla ricerca di una forma espressiva pittorica che si svincolasse dall’ipoteca della descrizione del dettaglio per riferirsi invece a un principio universale costante.

Fu mosso da questa intuizione nell’esecuzione delle sue maggiori e celebrate opere nelle quali per la composizione del soggetto pittorico si servì esclusivamente di linee e rettangoli aurei dei tre colori primari. Ecco dunque un magistrale esempio in cui la forza espressiva del rapporto aureo si coniuga con l’espressione di un senso estetico che attinge al piano oggettivo della realtà.

La ricerca di questo principio non ha riguardato soltanto la pittura ma è stato da sempre oggetto di studio e riproduzione anche nell’architettura, la disciplina che più di ogni altra si occupa dell’organizzazione e della composizione dello spazio in cui l’uomo vive.

Nel dipinto di Leonardo Da Vinci “La donna scapigliata” si nota il rettangolo aureo che racchiude la testa mentre il volto è in proporzione aurea rispetto all’area dei capelli

Sin dall’antichità agli architetti era richiesto il compito specifico, quasi ossessivo, di progettare strutture e spazi che si ispirassero all’armonia della Natura. Possiamo addirittura spingerci a ritroso nel tempo fino al periodo detto preistorico dalla scienza ortodossa e prendere come esempio di un’architettura realizzata secondo i rapporti del “numero d’oro”, altro nome della sezione aurea, il complesso megalitico di Stonehenge. Sembra infatti sia stato calcolato che la proiezione delle superfici dei due cerchi di pietre azzurre e di Sarsen che lo compongono, così come il rapporto tra le altezze e le larghezze di alcune aperture dei triliti, siano basate sulla proporzione divina.

Stesso identico discorso vale per le celeberrime piramidi egizie, in particolare quella di Cheope che cela il valore di ϕ nel rapporto tra il semilato della base e l’altezza della facciata triangolare. E via discorrendo, giungiamo al Partenone, l’edificio aureo per antonomasia, che sembra trasudare questa particolare relazione da una miriade di elementi architettonici che ne compongono la facciata.

Si potrebbe proseguire all’infinito passando in rassegna grandi monumenti dell’antichità come il Pantheon o medioevali come la cattedrale di Notre Dame a Parigi e il Duomo di Milano, per arrivare ai giorni nostri con il Museo Guggenheim di New York, realizzato dal grande architetto Lloyd Wright, in cui la splendida forma spiraleggiante che lo definisce è fedele a quella logaritmica della sezione aurea, per finire al Palazzo dell’ONU, sempre a New York.

Tutti queste monumentali opere, che non abbiamo difficoltà a riconoscere tra le eccellenze architettoniche per i valori estetici e armonici che esprimono, sono considerate tali per via delle proporzioni molto particolari che ne hanno ispirato la progettazione. Gli artefici di queste splendidi edifici hanno volutamente cercato di ispirarsi ai modelli della Natura, chissà, magari con l’intento di imprimere attraverso la forma della pietra un indelebile segno che riproducesse uno schema di comparazione e riferimento armonico evidente per i fruitori della struttura.

Proseguendo questa appassionante ricerca indirizziamo ora la nostra curiosità verso altre discipline che riguardano la creatività umana, scoprendo con stupore che anche la musica è costellata di produzioni all’insegna della proporzione aurea.

Anche questo non è certo frutto di una casualità; partiamo ad esempio dagli strumenti musicali e prendiamo in esame che essa compare nella struttura della tastiera del pianoforte in cui si contano i tredici tasti dell’ottava, suddivisi in otto bianchi e cinque neri, a loro volta distinti in gruppi di due e tre ciascuno; questi elencati sono tutti numeri di Fibonacci.

Il lettore rimarrà sorpreso nell’apprendere che nelle opere di Debussy o Bela Bartok i musicologi hanno individuato nello spettro compositivo delle battute e della sequenza delle note la presenza della sezione aurea, così come è stata riscontrata anche nei brani di Stravinsky.

La costruzione geometrica della sezione aurea

Secondo questi studiosi anche la musica moderna, e soprattutto il rock, è piena di brani costruiti secondo una logica di partitura aurea, che rispecchia fedelmente la sequenza dei numeri di Fibonacci. Il leggendario gruppo rock dei Genesis, appartenente alla corrente del “progressive”, compose un brano, Firth of Fifth, divenuto una pietra miliare del rock, secondo una costruzione armonico-temporale basata su numeri di Fibonacci: ci sono assoli di 55, 34, 13 battute, di questi alcuni sono formati da 144 note, e così via.

Per i musicologi rimane tuttavia il dubbio sulla consapevolezza o meno da parte degli autori nell’impiego di una partitura aurea poiché, secondo queste critiche, è molto più probabile che la sua presenza sia frutto del caso o di una creatività istintuale, visto che il valore di ϕ è un fenomeno molto diffuso in Natura. Pur apparendo statisticamente quantomeno poco probabile che ciò possa essere davvero avvenuto, paradossalmente questa ipotesi rafforza ancor di più la considerazione che la creatività umana attinge comunque dagli archetipi universali, artefici dell’ordine insito nell’organizzazione della Natura.

La sezione aurea ha un valore estetico assoluto che possiamo trasferire nelle nostre espressioni creative rendendole ancor più incisive e comunicative; oggi la tecnologia ci mette a disposizione la possibilità di usare il modello armonico della sua natura anche nel campo della ripresa fotografica.

I principi basilari della composizione ideale in un soggetto fotografico rispecchiano i criteri della proporzione aurea a tal punto che nelle moderne macchine digitali esiste un applicativo che mette a disposizione un mirino in cui compaiono sia il rettangolo aureo che la spirale logaritmica come supporto e modello di riferimento per una corretta e armonica composizione dell’inquadratura.

Sorprenderà scoprire che anche i due fondamentali elementi che determinano le strategie comunicative dei giorni nostri, il computer e il web design, sono regolate ineluttabilmente dal valore di ϕ.

Le proporzioni della sezione aurea nel viso

I numeri di Fibonacci sembra vengano utilizzati nel sistema informatico di molti computer mediante un complesso meccanismo basato su tali numeri, detto "Fibonacci heap", posto all’interno del processore Pentium della Intel per la risoluzione degli algoritmi, mentre nel campo del web oggi si avanza la teoria sperimentale che le potenzialità evocative della sezione aurea, viste come capacità di suscitare inconsciamente sensazioni positive, possono essere applicate nei criteri compositivi di una pagina web per ottenere dei layout più gradevoli e di successo.

Infine, un’ultima sorprendente considerazione sulla potenza della sequenza dei numeri di Fibonacci, che ha trovato applicazione addirittura nel mondo dell’azionismo finanziario della Borsa. Utilizzando infatti la teoria di previsione dei mercati finanziari del matematico Ralph Elson Elliot in relazione ai numeri di Fibonacci, il docente universitario G. Migliorino è riuscito a prevedere con esattezza il punto minimo del ribasso della Borsa avvenuto nell’estate del 1998.

È evidente quindi che la sezione aurea in un modo sottile, sfuggente, riveste un ruolo molto importante nell’economia delle cose e probabilmente costituisce un modello profondo, potremmo dire un archetipo, per il cosmo intero. Un semplice numero, un coefficiente apparentemente banale che però sembra controllare un ordine preciso universale. È davvero un bel rompicapo.

Viene da chiedersi se può esistere una correlazione tra la sua simbologia e la ripetuta comparsa della sua rappresentazione nei misteriosi “cerchi nel grano”, l’inspiegabile fenomeno delle meravigliose composizioni figurative ottenute per piegamento delle spighe di grano nei campi coltivati, che ormai da decenni riempie puntualmente le cronache estive.

Nel 1996 nei pressi di Stonehenge la comparsa improvvisa di uno di essi fu davvero spettacolare.

Secondo la teoria che vuole vedere in questi stupendi disegni naturali una funzione comunicativa, di origine ignota, e al di là di chiunque, o qualunque cosa, sia stato l’artefice di quella stupenda spirale logaritmica che ha tratteggiato in un modo così misterioso quel crop circle, l’ideatore ha creato un impatto evocativo straordinario, facendo leva sulla potenza espressiva, oltre che estetica, di un simbolo universale che, rivolgendosi al nostro inconscio, sembrava suonare come un monito e allo stesso tempo un richiamo al modello armonico della Natura.

Appare chiaro, al termine di questo percorso, che la sezione aurea e la sequenza di Fibonacci non sono solo delle curiose ma banali regole matematiche, per quanto bizzarre, fine a se stesse. Abbiamo visto come siano invece in grado di agire “dietro le quinte” di tantissimi fenomeni fisici e chimici dell’Universo, permettendone e regolandone la manifestazione.

La costruzione di una pagina web secondo i principi della sezione aurea

Non solo, rivestono anche un ruolo primario nell’espressione della creatività umana e sembrano condizionare a nostra insaputa i canoni estetici della nostra esistenza.

È una realtà davvero sfuggente quella che, tirando le somme, si intuisce soggiacere all’ordine dell’Universo, quell’ordine che esprime la dimensione di armonia riflessa nella Natura a cui, consapevolmente o meno, cerchiamo sempre di rifarci nella nostra vita.

Può anche costituire, per chi non si accontenta dell’ovvietà e magari si pone domande sull’origine e sul senso dell’Universo, una provocazione sull’esistenza o meno di un Architetto, o Programmatore che dir si voglia, che si è divertito a creare con i dadi questa curiosa legge universale.

Abbiamo raccolto parecchi dati in questo percorso e forse ora possiamo provare a rispondere alla domanda iniziale sul perché rimaniamo incantati da alcune forme della Natura; forse, senza rendercene conto, in quei momenti di contemplazione gettiamo uno sguardo nel profondo mistero che anima la Natura e che, attraverso l’oggetto che miriamo, si riflette anche dentro di noi.

Osservarla con la consapevolezza che tutto ciò che abbiamo davanti agli occhi risponde a delle inafferrabili ma precise leggi può rivelarsi utile per sottrarci a quella distrazione continua che caratterizza la nostra vita ordinaria.

Perdersi nella meraviglia di un girasole è un po’ come se ci guardassimo dentro perché ogni cosa nell’Universo è interconnesso e noi, quindi, siamo quel mistero che abbiamo di fronte.

Anche noi, in fondo, siamo fatti di “Proporzione Divina”.

di Marco Pulieri
http://www.shan-newspaper.com/web/scienze/845.html

{jcomments on}


 

 

Sirius


Coloro che cercano, cerchino finché troveranno.
Quando troveranno, resteranno turbati.
Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto.

 

Vota questo sito in Net-Parade

 

10000 punti ottenuti

Sito d'argento

Ti piace questo sito?
Sostienilo con un voto.
Puoi votare più volte!


 

web counter