Il sito usa cookie tecnici per il suo funzionamento. Da questo sito, a tua scelta puoi usare servizi di terze parti che potrebbero fare uso di cookie propri. Continuando nella visita accetti l'utilizzo dei cookie.

Cerca in Astronave

Canale Video Pegasus

Solo Risvegliandoci...

"E' in corso uno sforzo concentrato per prevedere e gestire il comportamento umano in modo che gli scienziati sociali e l'elite dittatoriale possano essere in grado di controllare le masse e proteggersi dalle ricadute di un'umanità libera completamente risvegliata. Solo risvegliandoci ai loro tentativi di metterci a dormire noi abbiamo una possibilità di preservare il nostro libero arbitrio."
Nicholas West


Scie Chimiche

Chi ci avvelena dal cielo?

Giù le mani dalla Madre Terra

 

Giù le mani dalla
Madre Terra

Questa è una campagna globale per
difendere la nostra casa unica e bellissima,
Pianeta Terra, la minaccia rappresentata
dagli esperimenti di geo-ingegneria


RSOE EDIS - MAPPA

Proteggere i segreti commerciali più dell’interesse pubblico e della salute. La proposta indecente dell’UE

Proteggere i segreti commerciali più dell’interesse
pubblico e della salute.
La proposta indecente dell’UE

tratto da: http://www.dariotamburrano.it

Staff Parlamentare Dario Tamburrano

Le brutte notizie da questa Europa degenerata non finiscono mai: fra due settimane sarà discussa dalla commissione ITRE la “Proposta di direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla protezione del know-how riservato e delle informazioni commerciali riservate (segreti commerciali) contro l’acquisizione, l’utilizzo e la divulgazione illeciti”.

Dopo la vittoria delle lobbies degli OGM con il voto di oggi in Plenaria a Strasburgo (unici contrari M5S, guppo Verdi-ALE e GUE-NGL), abbiamo un’altra proposta indecente che farà meno parlare di se, ma si sa che il diavolo si annida (anche) nei dettagli.

Il testo completo è in fondo a questo post. La proposta di direttiva protegge in modo ferreo i segreti commerciali, cioè le informazioni poco note e difficilmente accessibili in grado di conferire un vantaggio economico a chi le detiene. Come ha ha messo in luce (in inglese) il gruppo Coroporate Europe Observatory, in base alla proposta di direttiva le aziende potrebbero invocare il segreto commerciale per evitare di rendere pubbliche informazioni relative a sostanze inquinanti, farmaci, OGM. Ovvero, la protezione deli segreti commerciali viene anteposta anche all’interesse pubblico, all’ambiente e alla salute. Il succo dell’analisi di Coroporate Europe Observatory è stato ripreso in italiano da Rinnovabili.

Ma c’è anche altro. In caso di processi per presunta violazione dei segreti commerciali, la proposta di direttiva contempla la possibilità che – per tutelare i segreti oggetto della controversia – il segreto venga esteso anche agli atti giudiziari e alle prove, che possono non essere rese note alla controparte. Siamo pertanto nel pieno di una sorta di controriforma: i processi in cui l’imputato non sapeva neanche da cosa doveva difendersi e quali erano le prove o gli indizi a suo carico, sono finiti con l’ancien régime e con la Rivoluzione Francese. Questa proposta di direttiva – sempre che non venga radicalmente corretta – rischia di riportarci indietro di 200 e passa anni.

Pubblico e commento alcuni passi salienti della proposta di direttiva che non hanno ancora – mi pare – ricevuto la giusta attenzione. Il neretto, ovviamente, l’ho aggiunto io. Durante i processi relativi alla violazione di segreti commerciali,

Gli Stati membri devono inoltre garantire che le competenti autorità giudiziarie possano (…) adottare le misure specifiche necessarie a salvaguardare la riservatezza di ciascun segreto commerciale o presunto segreto commerciale (…) Le misure (…) prevedono almeno la possibilità di:
(a) limitare l’accesso, totale o parziale, a qualsiasi documento contenente segreti commerciali prodotto dalle parti o da terzi;
(b) limitare l’accesso alle udienze e alle loro registrazioni o trascrizioni quando sussiste la possibilità di divulgazione di segreti commerciali. In circostanze eccezionali, e previa adeguata giustificazione, le competenti autorità giudiziarie possono limitare l’accesso delle parti a dette udienze (…)
Quando (…) la competente autorità giudiziaria decide che le prove lecitamente in possesso di una parte non devono essere divulgate all’altra parte e se tali prove costituiscono materiale rilevante per l’esito della controversia, l’autorità giudiziaria può tuttavia [può, non deve, ndr] autorizzare la comunicazione di tali informazioni ai rappresentanti legali dell’altra parte e, se del caso, a esperti autorizzati, fatto salvo l’obbligo di riservatezza di cui al paragrafo 1 [persone vincolate al mantenimento del segreto, ndr]

Dunque per proteggere un segreto commerciale può essere vietato ad una delle parti in causa assistere al processo che la vede coinvolta e le prove lecitamente in possesso di una parte possono non essere rese note alla controparte: ma scherziamo? No, purtroppo questi non scherzano affatto…

E se un segreto commerciale ammanta porcherie nocive alla salute e all’ambiente? E se qualcuno decide di rivelare questo segreto in nome dell’interesse pubblico? Un’azione del genere equivale al passaggio sotto le forche caudine. Infatti, secondo la bozza di direttiva, la rivelazione dei segreti commerciali non è punibile solo se avviene

per rivelare una condotta scorretta, un’irregolarità o un’attività illecita (…) a condizione che l’acquisizione, l’utilizzo o la divulgazione presunti dei segreti commerciali fossero necessari a tale rivelazione e che il convenuto abbia agito nell’interesse pubblico

E’ facile immaginare che chi rivela un segreto commerciale nell’interesse pubblico dovrà affrontare un processo per dimostrare 1) che il suo obiettivo era proprio l’interesse pubblico 2) che l’interesse pubblico non poteva essere raggiunto senza rivelare i segreti commerciali. Facile, no?, soprattutto quando si tratta di affrontare una legione di avvocati ingaggiati da una potente società.

In questa proposta di direttiva gli interessi delle aziende sono dei giganti che schiacciano l’interesse pubblico. L’Unione Europea – questa Unione Europea – ha scelto ancora una volta a fianco di chi schierarsi e quale è il centro del suo universo. Adesso a Bruxelles c’è bisogno di una rivoluzione copernicana. Ci proverò dato che come componente e coordinatore M5S per la commissione ITRE sono chiamato a emendare questa proposta indecente (e lo farò con piacere e in maniera pesante!). Intanto leggete la proposta di direttiva: i suggerimenti sono i benvenuti.

“Proposta di direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla protezione del know-how riservato e delle informazioni commerciali riservate (segreti commerciali) contro l’acquisizione, l’utilizzo e la divulgazione illeciti” COM(2013) 813

{jcomments on}

Sirius


Coloro che cercano, cerchino finché troveranno.
Quando troveranno, resteranno turbati.
Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto.

 

Vota questo sito in Net-Parade

 

10000 punti ottenuti

Sito d'argento

Ti piace questo sito?
Sostienilo con un voto.
Puoi votare più volte!


 

web counter