Il sito usa cookie tecnici per il suo funzionamento. Da questo sito, a tua scelta puoi usare servizi di terze parti che potrebbero fare uso di cookie propri. Continuando nella visita accetti l'utilizzo dei cookie.

Cerca in Astronave

Canale Video Pegasus

Solo Risvegliandoci...

"E' in corso uno sforzo concentrato per prevedere e gestire il comportamento umano in modo che gli scienziati sociali e l'elite dittatoriale possano essere in grado di controllare le masse e proteggersi dalle ricadute di un'umanità libera completamente risvegliata. Solo risvegliandoci ai loro tentativi di metterci a dormire noi abbiamo una possibilità di preservare il nostro libero arbitrio."
Nicholas West


Scie Chimiche

Chi ci avvelena dal cielo?

Giù le mani dalla Madre Terra

 

Giù le mani dalla
Madre Terra

Questa è una campagna globale per
difendere la nostra casa unica e bellissima,
Pianeta Terra, la minaccia rappresentata
dagli esperimenti di geo-ingegneria


RSOE EDIS - MAPPA

Il DNA: «spazio-memoria insufficiente»

Il DNA: «spazio-memoria insufficiente»

tratto da: http://megachip.globalist.it/

I segreti del DNA non stanno tutti nel DNA, stanno «altrove». Una critica alla narrativa materialista-darwinista e ai «dogmi induriti» della scienza d'oggi. [M. Blondet]

di Maurizio Blondet* su concessione di effedieffe.com.

A noi non addetti ai lavori non l'hanno spiegato, anzi hanno confuso le acque per mantenere la «narrativa» materialista-darwinista: ma il costosissimo Human Genome Project, che annunciava trionfalmente di completare la «mappa» dei geni del nostro DNA e quindi di illuminare «tutte» le istruzioni per creare un essere umano - non solo il corpo, i complicatissimi processi bio-molecolari, la predisposizione a certe malattie ma persino i comportamenti istintivi ereditari - è già fallito. È fallito già dal 2000, quando lo stesso Human Genome Project ha pubblicato la prima mappa, supposta completa, del nostro DNA.

Spieghiamo: ogni cellula del nostro organismo, sia un globulo rosso, una cellula di muscolo o di fegato o pancreas, contiene per intero il nostro specifico DNA. Sicché in ogni cellula - così suppongono i genetisti - sono contenute tutte le istruzioni per creare una vita umana, con tutte le sue funzioni fisiologiche, le strutture fisiche e mentali, tutti i caratteri anche non fisici ereditati dai genitori.

Negli anni '90 s'era già mappato il DNA del celebre moscerino della frutta, e scoperto che esso ha più o meno 15 mila geni. Il lombrico ha circa 20 mila geni codificanti - ossia ogni gene contiene le istruzioni per codificare una proteina del verme. Data l'enorme maggiore complessità, raffinatezza dell'essere umano, con le sue diversissime e complessissime funzioni, i genetisti erano convinti che noi avremmo dovuto avere come minimo, 100 mila geni - anzi i più propendevano per 2 milioni. Era la tipica visione materialista: più complessità, più basi materiali per spiegarla, più geni...

Nel 2000, la mappa prodotta finalmente dallo Human Genome Project, rivelò la verità: il DNA dell'organismo umano ha solo circa 20 mila geni codificatori di proteine. Come il verme, e poco più del moscerino.

Naufragava il mito che la genetica bastasse a spiegare da sola tutti i caratteri della vita umana e del suo sviluppo; men che meno che si potessero curare tutte le malattie a livello genetico. Vero è che questa mitologia continua a trionfare: ma solo sui media della «divulgazione scientifica», ad uso e consumo del pubblico generale - che deve credere che ogni mistero ha una spiegazione fisica e materiale, e che la scienza sta sul punto di spiegarlo, basta attendere ancora un poco...

No, non potrà mai. I segreti del DNA non stanno tutti nel DNA, stanno «altrove». Lo comprova un esperto di computer science di nome Mike Adams, che ha al suo attivo una carriera di ricerca e sviluppo di software e architetture elettroniche, e diffonde una newsletter tecnologica chiamata Arial Sofware. Non un genetista dunque ma un matematico esperto di computer, che ha sottoposto a verifica il mito genetico usando i criteri di computer science. (The big lie of genetics exposed: human DNA incapable of storing complete blueprint of the human form)

Ricapitolo i suoi ragionamenti: abbiate pazienza, e troverete che sono chiarissimi.

Il genoma umano (la mappa del nostro DNA) contiene circa 3 miliardi di «coppie di basi» di geni. Le «basi» di qualunque DNA sono solo quattro, Adenina (A), Timina (T), Citosina (C), Guanina (G). Ogni «coppia di basi» può esistere dunque solo in una delle quattro combinazioni possibili. Perché il DNA, ecco un'altra scoperta, ha formato digitale, come il software, e come le «memorie» del computer. Dunque Adams considera che ogni coppia equivale a 2 bit di dati binari, che si possono combinare nelle quatto possibili combinazioni:

00
01
10
11

Ora, le memorie dei calcolatori immagazzinano informazioni proprio in questa forma. Più precisamente: in byte, che sono otto bits di dati, per esempio così:

01011010

Dunque quattro coppie di basi nel DNA, formano un byte, un ottetto. Ebbene: sapendo che nel DNA umano ci sono circa 3 miliardi di bits (coppie di basi), Adams ha facilmente potuto calcolare quant'è la «capacità di memoria» (data storage capacity). Del nostro genoma. Tenetevi forte:

Il genoma umano ha non più di 750 MB (megabite) di memoria.

Ridicolmente piccola. Un film in un DVD occupa già più spazio che 750 MB, una pennetta che si compra per 10-12 euro può immagazzinare 20 volte più dati del DNA. Con 750 MB di capacità, non è assolutamente possibile «descrivere» le istruzioni per fabbricare la straordinaria complessità dell'essere umano, con le sue funzioni fisiche inferiori e superiori, comportamenti ereditari e potenzialità mentali.

Basta ricordare che il nostro corpo è costituito di 60-90 mila miliardi (trilioni) di cellule; ciascuna è un complesso eco-sistema ed un avanzato «macchinario» che svolge complesse funzioni, dalla produzione di energia per il suo funzionamento alla espulsione dei rifiuti; le funzioni della membrana stupiscono per la loro complessità come meraviglia la «centrale di comando» del nucleo. Non esistono cellule «semplici»: ciascuna è una piccola astronave coi suoi motori, apparati di guida, mezzi di locomozione e di alimentazione, eccetera. Di più: l'organismo, senza contributo della nostra coscienza, rimpiazza questi trilioni di cellule, continuamente, ogni minuto, sostituendo via via le vecchie con le nuove, situate nel posto «giusto»: pelle, intestino, unghie, fegato si rinnovano senza interruzione. Ogni ora, il nostro organismo fabbrica 109 milioni di cellule del sangue. In ogni momento, esso è capace di riparare tessuti danneggiati da una ferita o da una aggressione microbica: il sistema immunitario è di incredibile complessità e - fa notare Adams - adotta da sempre «nano-tecnologie» avanzatissime impensabili per la scienza. Miliardi di reazioni chimiche avvengono in voi ogni secondo senza che voi lo sappiate, e vi mantengono vivo e vegeto. In più, siete forniti dalla disposizione «innata» di respirare, camminare e di mettere a fuoco la vista; ed ancora: di parlare, di apprendere dall'esperienza vostra e da quella altrui (trasmessa con la cultura), eccetera.

«La semplice catalogazione delle strutture e funzioni di tutte le cellule richiederebbe non si sa quanti terabyte di dati - e un terabyte è un milione di volte più grosso (come capacità di memoria) di un megabyte. Il DNA, con 750 comici megabytes, non è un computer, ma un giocattolino per bambini. Dal punto di vista del computerista, ha «insufficient memory», insufficiente «storage data capacity».

È fin troppo chiaro che il genoma umano non contiene per intero il «progetto», il «piano tecnico» di un uomo. Può dare istruzioni per alcuni caratteri fisici (il colore degli occhi per esempio); ma dov'è, per esempio, il software della prodigiosa «stampante 3D» - perché di questo si tratta - che partendo dall'ovulo fecondato nell'utero materno, e in principio si moltiplica in modo lineare - due, quattro, otto cellule - costruisce strato per strato un neonato umano, e poi continua farlo crescere fuori?

Lo Human Genome Project «ha comprovato l'esatto contrario di quello che sperava lo scientismo materialista-riduzionista: i geni, da soli, non bastano a spiegare l'ereditarietà». Ancor oggi gli scienziati stanno frugando i dati del genoma umano alla ricerca di qualcosa, come dei «meta-dati», ritardando di fatto la ricerca scientifica, per non arrivare alla inevitabile conclusione: c'è qualcosa «oltre» il DNA, qualcosa di «non fisico», un «disegno» che inter-agisce con il DNA da «fuori» e da sopra, fornendo le istruzioni ulteriori di cui il DNA manca.

Già alcuni medici embriologi del primo '900 avevano ipotizzato l'esistenza di un «Organizzatore» che dirigeva la moltiplicazione cellulare dell'embrione non in modo casuale (come nel cancro), ma secondo «un piano», pari al «lucido» che l'ingegnere ha in mano quando deve realizzare un grande impianto, e dare istruzioni agli operai. Questa ipotesi fu ovviamente seppellita dal ridicolo, e demonizzata come «creazionista», «spiritualista» e dunque non-scientifica. Oggi il Genome Project conferma questa ipotesi, in qualche modo: il DNA non ha bastante «capacità di memoria» per completare il grande impianto. Deve esistere una «memoria» enormemente più grande che lo guida, da «fuori».

Dove si trova questa memoria?

Senza ricorrere a spiritualismi, lo scienziato del computer oggi può rispondere: probabilmente, in un cloud. La «nube» di reti e di memorie diffuse e condivise che fornisce via web tutta la «capacità di memoria» di cui si ha bisogno (basta pagare il fornitore del servizio), senza doversi mettere in ufficio fisicamente armadi di supercomputer e memorie di massa.

Un biologo rivoluzionario, di nome Rupert Sheldrake, sostiene di aver dimostrato l'esistenza di tale «cloud»: lui lo chiama «campo di risonanza morfica» (da morphé, in greco «forma»: un campo che istruisce sulla forma complessiva che «deve» avere un organismo). Secondo lui, ogni cellula del nostro organismo si connette a un campo di informazioni, che contiene la «memoria» di come un essere umano deve essere: una memoria appunto formata da centinaia di migliaia di anni, forse milioni, di «ricordi» di organismi umani passati, e di come hanno sviluppato le loro funzioni, ora diventate ereditarie. Qui si possono leggere in breve le idee di Sheldrake: (MORPHIC RESONANCE AND MORPHIC FIELDS)

L'audace Sheldrake sostiene che le cosiddetti «leggi dell'ereditarietà» sono piuttosto « qualcosa di simile ad abitudini» (habits). Se posso osare tradurre, è un po' l'antica idea avanzata da Lamarck nel 1809: «La funzione crea l'organo» (1), che poi viene trasferito ai discendenti: tesi ritenuta falsa e superata dall'evoluzionismo darwiniano. La teoria dei «campi morfogenetici» dà al lamarkismo un senso totalmente nuovo: a trasmettere i caratteri acquisiti non sono i genitori diretti, ma «la memoria collettiva», il «campo morfogenetico». È questo a contenere la memoria del passato di una specie animale o vegetale, delle funzioni che si sono rivelate utili; altre sono state invece abbandonate come dannose... Perché, mentre il DNA non si evolve e resta fisso per milioni di anni (con gran disdoro dei darwinisti), le «abitudini» invece si evolvono. E possiamo vederlo nel nostro ambiente umano, nella società. Anche noi rinunciamo ad abitudini che non ci convengono, per esempio che non avvantaggiano la nostra vita sociale (come soffiarsi il naso con le dita, cosa che facevano senza vergogna Platone e Giulio Cesare...), e «trasferiamo» ai nostri figli - ma anche ai figli dei vicini - questa esperienza sotto forma di buona educazione...

La «cultura» in cui viviamo immersi è infatti un campo morfogenetico potentissimo, e che contiene molte più «istruzioni» di quante ne abbia il nostro DNA con i suoi 750 MB: da questo campo abbiamo appreso la lingua-madre, la particolare fede religiosa (e il suo abbandono), la Weltanschauung dominante nel nostro tempo di vita, l'atteggiamento generale di fronte al prossimo, la scienza come l'intendiamo noi; ed ogni civiltà ha il suo «campo morfogenetico» in questo senso - che si evolve più o meno lentamente verso forme «più complesse» (2), mentre noi, come corpi fisici, poco o nulla ci evolviamo.

Ma per Sheldrake, anche i topi sono connessi ad simile campo. Ed infatti quando i topi vengono messi in un labirinto e ne escono con successo in un laboratorio dell'università di Harvard, ebbene: anche i topi della stessa razza che si trovano a Melbourne o Parigi, superano più rapidamente il labirinto. È una cosa ben nota e conosciuta, ancora una volta con gran dispetto dei materialisti: non vorrete mica parlare di telepatia!? No, Sheldrake parla di «risonanza» che è «non-localizzata» in precise parti anatomiche ma sta nel cloud della specie...

Naturalmente l'idea ha fatto impazzire di rabbia gli ambienti scientifici ufficiali della genetica, che hanno attaccato e deriso Sheldrake: ammettere un «campo di informazioni morfiche» mette a rischio i sacri pilastri del materialismo biologico, il riduzionismo, l'evoluzione per «cieco caso e necessità» oltreché - sia detto per inciso - tutto il business della farmaceutica attuale, totalmente basato su sostanze chimiche con effetti chimico-materiali su specifici organi...

Vale la pena di notare che invece i fisici adottano da tempo, senza scrupoli ideologici, il concetto di «campo»: campo elettrico, campo magnetico, campo gravitazionale. Al punto da aver dimenticato che Cartesio ancora aborriva l'idea che un pianeta ne attraesse un altro, ossia che una forza di attrazione si trasmettesse «nel vuoto» senza contatto fra i corpi, dato che per lui il movimento si poteva trasmettere solo per contatto (come tra palle di biliardo); e che ancor oggi il campo gravitazionale viene «spiegato» in modo tutt'altro che elementare, da una teoria einsteniana, secondo cui non è il Sole che attira la Terra, ma la massa solare, facendo «affossare» lo spazio-tempo, fa sì che il nostro pianeta cada dentro l'affossamento formatosi...

Alle proteste dei colleghi riduzionisti, Sheldrake risponde con altre domande strane. Tipo questa: «Come fa a sapere la vostra mano che è una mano?». Detto altrimenti: dato che ogni cellula del vostro corpo contiene lo stesso identico codice genetico, come mai le cellule della mano si sono sviluppate in modo da formare la mano e non, poniamo, il pancreas o globuli rossi? La genetica dominante non ha una risposta. La risonanza morfica di Sheldrake sì: la cellula attinge a un «campo di conoscenza», una sorta di schema non-fisico, come il lucido in mano all'ingegnere, e sotto l'influenza di questo «campo» essa attiva solo quei geni che ne fanno un muscolo o un osso della mano, e non un pancreas. I geni fisici locali adempiono alla codificazione delle proteine, ma è il campo di risonanza morfica che decide quali geni vanno attivati, e quali proteine prodotte in quella particolare parte dell'organismo. E questo «campo» è rinforzato da millenni e millenni in cui gli altri esseri umani venuti al mondo prima di noi hanno contribuito a delineare il disegno, il modello ideale (pattern) che un uomo «deve» imitare per essere un uomo. Simili campi energetici decidono come ha da essere un albero di quercia influenzando i semi e il suo codice genetico in modo che la ghianda diventi una quercia adulta. Un altro «disegno» energetico induce le diatomee a formare quei loro microscopici scheletrini minerali dalle prodigiose simmetrie e complessità, che affascinarono i primi osservatori al microscopio: il DNA si limita a produrre proteine, che potrebbero disporsi a caso. A disporle in quelle forme è il «campo» della specie, che impone quegli schemi e piani a una crescita che sarebbe altrimenti indeterminata, un'escrescenza. 



Diatomee

Qui addirittura si intravede che il «campo» delle diatomee attinge al «campo» della materia inanimata, al mondo della cristallografia minerale - un'intuizione a cui è giunto Antonio Lima de Faria, il grande vecchio della cito-genetica (ha operato all'università di Lund in Svezia), che l'ha esposto in un saggio altrettanto rivoluzionario ed altrettanto censurato: «Evoluzione senza Selezione» (Nova Scripta 2003). Secondo Lima de Faria - che è un evoluzionista ostile al darwinismo - non è la «pressione dell'ambiente», né un supposto «miglior adattamento alla lotta per l'esistenza» che danno la forma alla conchiglia del Nautilus; è la stessa forza (o armonia) che dà la medesima forma (di spirale logaritmica) alle galassie come alla disposizione delle foglie su uno stelo.





Il regno della vita attinge al regno minerale, che gli suggerisce certe forme come necessità matematica - e allo stesso tempo come quelle utili alla robustezza strutturale - insomma, l'universo animato ed inanimato è un tutt'uno governato, e l'evoluzione è intrinseca a questo «tutto».
Il «tutto» è il campo dei campi, e non ha un «luogo» dove possa essere localizzato e confinato. È immateriale come una intelligenza, una somma di esperienze strutturate in coscienza; una intelligenza collettiva per ogni specie, anche per quelle - come i vegetali - che individualmente, intelligenti non sono.

L'orribile eresia che ciò rappresenta per il materialismo fondante della scienza moderna, è evidente. Basti ricordare che per la Scienza dominante la stessa auto-coscienza umana è una «illusione», sottoprodotto di reazioni chimiche, biochimiche ed elettriche che avvengono nel cervello; in altre parole, noi saremmo dei robot biologici, dominati da processi puramente meccanicistici e fisici, che «credono» si essere coscienti. Ne consegue come ovvio corollario che senza cervello funzionante, un uomo è morto e senza alcuna umanità. Sheldrake domanda però ai suoi avversari evoluzionisti: se questa «illusione» dell'auto-coscienza non serve ad alcuno scopo essendo i nostri atti completamente meccanici, come mai si è evoluta negli esseri umani? Eppure la civiltà umana non potrebbe essersi evoluta - in quanto umana - senza compassione, cooperazione, amore (o odio), moralità, e - senza dimenticare la creatività: si pensi alla canzoni e alle poesie che sono state per millenni il mezzo culturale di trasmissione per eccellenza, trasferendo la conoscenza dei miti e della storia, ed anche oggi sono il mezzo essenziale per «conoscenze» morali di ordine superiore, come la lettura di romanzi di Dostojevski, di Manzoni o di Conrad. Ebbene: dov'è il codice genetico per la cooperazione e la compassione, il gene che ha concesso a Fedor di darci il suo «Delitto e Castigo»? Se questi sono semplici sottoprodotti di cervelli bio-chimico-elettrici che seguono «istruzioni genetiche», allora tutte le opere d'arte di millenni di artisti, cantori, sacerdoti mistici e poeti, devono in qualche modo essere codificati almeno virtualmente nel DNA già da prima della nascita. Dove: nei 750 MB di memoria?

No, risponde Shelrdake, nel cloud della memoria collettiva della nostra specie e delle altre. Egli insiste: non ci sono «leggi di natura» venute all'esistenza nel momento stesso del Big Bang, completamente formate e immutabili. Ci sono «usanze», abitudini e costumi (habits) che si sono via via rafforzati a forza di essere ripetuti nel passato, fino ad organizzarsi in architetture auto-strutturate sempre più raffinate e complesse, «dando ad ogni specie il suo tipico sistema di memoria collettiva» (3). Ovviamente, le «usanze» evolvono, alcune vengono abbandonate altre adottate e poi rinforzate perché in qualche modo convenienti; già ai minerali «conviene» organizzarsi in cristalli anziché in aggregati informi (4), e ancor più ai viventi che - dopotutto - da minerali sono formati. Ancor più la selezione naturale delle usanze agisce nel mondo sociale, mentale e culturale, come abbiamo intravisto. Esso dà certe qualità che Sheldrake sta indagando, concependo appositi esperimenti. Tipo: «Come mai i cani sanno quanto il padrone sta per arrivare?». Oppure: «Da dove viene la sensazione di essere osservati?»: fatto che secondo lui è spiegabile con i campi sottostanti alla nostra attività mentale e percezione, e possono portare ad una nuova «teoria della visione».

Sheldrake propone persino a tutti noi, se vogliamo, di partecipare ai suoi esperimenti di anticipazione «telepatica» (quando il telefono squilla, molti sanno già chi sta chiamando), di attenzione condivisa, di riconoscimento di foto... buon esperimento: Introduction
.


NOTE:



1) Esempio: è a forza di brucare le foglie di alti alberi che il collo della giraffa si è allungato....


2) Ovviamente la società può devolversi anche al contrario, verso forme sempre più degradate ed ossificate. Ciò sta probabilmente avvenendo alla civiltà occidentale in genere, e l'Italia è all'avanguardia di questa discesa nella neo-barbarie. 


3) La stessa scienza odierna, accusa Sheldrake, è un «campo» di risonanza: e i genetisti darwinisti e riduzionisti vivono condizionati da questo campo, dove le assunzioni e le ipotesi si sono col tempo «indurite in dogmi», che oggi ostacolano non solo il progresso scientifico, ma sono un pericolo per il futuro della specie umana. Sheldrake elenca questi «dogmi induriti»: il principio «che la realtà è solo materiale o fisica; che il mondo è un macchinario fatto di materia inanimata; che la natura non ha scopo; che la coscienza non è altro che l'attività fisica del cervello; che la libera volontà è un'illusione; che Dio esiste solo come un'idea dentro la mente umana, imprigionata all'interno del nostro cranio». Ma, denuncia il rivoluzionario scienziato: in tal modo «la scienza è diventata un sistema di credenze, anziché un metodo di ricerca». Una ideologia che conduce ricerche sempre più costose, con mezzi sempre più strapotenti...e con risultati sempre più miseri, oggi vicini allo zero. Il progressismo frena il progresso e alla fine, lo rende impossibile. (Books USA e Canada)


4) Lima De Faria: «L'acqua, il quarzo e la calcite non hanno geni, e tuttavia mantengono uno schema fisso (...). I cristalli di neve esistono in moltissime varianti, ma tutti sono esagonali. (..) L'auto-assemblaggio lo riscontriamo a tutti i livelli, dalle particelle elementari agli organismi. E' automatico e gerarchico: le particelle elementari si assemblano in atomi, gli atomi costituiscono macromolecole, le macromolecole formano organelli cellulari e cellule, le cellule si assemblano in organismi, gli organismi si assemblano in società». Da cui il genetista ricava il principio generale seguente: «L'ordine prevale a qualunque livello evolutivo. Il disordine in biologia è espressione dell'ignoranza dei fenomeni in gioco» (Lima De Faria, «Evoluzione senza Selezione», 2003, pagine 360-364).



Fonte: www.effedieffe.com.

{jcomments on}

Sirius


Coloro che cercano, cerchino finché troveranno.
Quando troveranno, resteranno turbati.
Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto.

 

Vota questo sito in Net-Parade

 

10000 punti ottenuti

Sito d'argento

Ti piace questo sito?
Sostienilo con un voto.
Puoi votare più volte!


 

web counter