Il sito usa cookie tecnici per il suo funzionamento. Da questo sito, a tua scelta puoi usare servizi di terze parti che potrebbero fare uso di cookie propri. Continuando nella visita accetti l'utilizzo dei cookie.

Cerca in Astronave

Canale Video Pegasus

Solo Risvegliandoci...

"E' in corso uno sforzo concentrato per prevedere e gestire il comportamento umano in modo che gli scienziati sociali e l'elite dittatoriale possano essere in grado di controllare le masse e proteggersi dalle ricadute di un'umanità libera completamente risvegliata. Solo risvegliandoci ai loro tentativi di metterci a dormire noi abbiamo una possibilità di preservare il nostro libero arbitrio."
Nicholas West


Scie Chimiche

Chi ci avvelena dal cielo?

Giù le mani dalla Madre Terra

 

Giù le mani dalla
Madre Terra

Questa è una campagna globale per
difendere la nostra casa unica e bellissima,
Pianeta Terra, la minaccia rappresentata
dagli esperimenti di geo-ingegneria


RSOE EDIS - MAPPA

Il ferro contenuto nei più antichi gioielli egizi ha origini extraterrestri

Il ferro contenuto nei più antichi gioielli egizi
ha origini extraterrestri

tratto da: http://www.meteoweb.eu/
di Renato Sansone

Arriva dallo spazio il ferro delle perline dei più antichi gioielli Egizi. Era contenuto nei meteoriti, come mostra l’analisi della struttura interna delle perle condotta da un gruppo di ricerca dell’University College London e pubblicato sulla rivista Journal of Archaeological Science. Realizzati oltre 5.000 anni fa, i gioielli dall’origine cosmica, inoltre, spostano indietro nel tempo di almeno due millenni l’inizio della lavorazione del ferro. Le perline realizzate con il ferro presente nei meteoriti sono nove e sono state scoperte nel 1911 in una tomba egizia del IV millennio avanti Cristo;

attualmente sono conservate presso il Museo di archeologia egizia Petrie Museum dell’University College London. L’origine ‘extraterrestre’ di questi gioielli e’ stata scoperta analizzando le perle con fasci di neutroni e raggi gamma, che hanno svelato l’alta concentrazione di nichel, cobalto, fosforo e germanio presente negli oggetti e che e’ caratteristica del ferro che si trova nei meteoriti. L’indagine ha mostrato anche la struttura interna degli oggetti e ha permesso di scoprire che sono stati realizzati a partire da lamine sottilissime che sono state poi arrotolate per ottenere le sfere. Le perline così ottenute sono state utilizzate per realizzare la più antica collana in ferro degli Egizi, un gioiello che conteneva anche oro e pietre preziose.


Gli Egizi usavano meteoriti come gioielli

tratto da: http://ilfattostorico.com/

Uno studio inglese ha analizzato una perlina di ferro egizia vecchia di 5.000 anni fa: in apparenza non sembra granché, tuttavia nasconde uno spettacolare passato. I ricercatori hanno scoperto che l’antico gingillo è stato fatto con un meteorite.

Il risultato, pubblicato su Meteoritics & Planetary Science, spiega come gli antichi Egizi ottenessero il ferro millenni prima delle prime tracce di fusione del ferro trocate nella regione. Parrebbe inoltre che i meteoriti venissero considerati in modo speciale nella loro religione.

“Il cielo era molto importante per gli antichi Egizi,” dice Joyce Tyldesley, egittologa presso l’Università di Manchester e co-autore della ricerca. “Qualcosa che cade dal cielo viene considerato come un dono degli dèi”.

(Open University)

(Open University)

La perlina a forma cilindrica è uno delle nove trovate nel 1911 in un cimitero di Gerzeh, 70 chilometri a sud del Cairo. Risalgono a circa il 3.300 a.C., rendendo questi manufatti i più antichi in ferro conosciuti in Egitto.

Uno studio condotto nel 1928 aveva rilevato che il ferro contenuto nelle perline aveva un alto contenuto di nichel – tipico dei meteoriti di ferro – e aveva portato alla proposta dell’origine celeste. Ma negli anni ’80 gli studiosi avevano sostenuto che un’accidentale fusione precoce avrebbe potuto portare a tale arricchimento di nichel, e una più recente analisi aveva mostrato un basso contenuto di nichel sulla superficie.

Per risolvere la questione, Diane Johnson, scienziata della Open University di Milton Keynes, e i suoi colleghi hanno usato la microscopia elettronica e la tomografia computerizzata per analizzare una delle perline. Le analisi hanno dimostrato che in origine il contenuto di nichel in questo metallo era alto – fino al 30% – e dunque era effettivamente un meteorite. Il metallo aveva inoltre una particolare struttura cristallina chiamata Widmanstätten. Questa struttura si trova solo nei meteoriti di ferro che si sono raffreddati molto lentamente dentro gli asteroidi quando il Sistema Solare si stava formando. Usando la tomografia, i ricercatori hanno poi costruito un modello tridimensionale della struttura interna, scoprendo che gli Egizi l’avevano modellato martellandolo su una lamina piatta poi piegata a forma di tubo.

La prima prova di fusione del ferro in Egitto appare nella documentazione archeologica del VI secolo a.C. Solo una manciata di manufatti in ferro sono stati scoperti nella regione da prima di allora, e tutti provengono da tombe di alto rango, come quella di Tutankhamon. “Il ferro era fortemente associato a regalità e potere”, dice Johnson. Si credeva infatti che oggetti di tale materiale divino garantissero al defunto un passaggio prioritario nell’aldilà.

Figure di Widmanstätten su una meteorite incisa con acido (wikipedia)

Figure di Widmanstätten su una meteorite incisa con acido (wikipedia)

Campbell Price, curatore al Museo di Manchester di Egitto e Sudan, non coinvolto nello studio, afferma che non si sa nulla di certo riguardo le credenze religiose degli Egizi prima dell’avvento della scrittura. Ma sottolinea che in seguito, all’epoca dei faraoni, gli dèi erano creduti avere le ossa di ferro. Un’ipotesi è che i meteoriti possano aver ispirato questa convinzione: le rocce celesti forse furono interpretate come i resti fisici degli dèi che cadevano sulla Terra.

Se otterrà i permessi necessari, le analisi di Johnson continueranno anche su altri oggetti di ferro.

Nature

Open University

 


{jcomments on}

Sirius


Coloro che cercano, cerchino finché troveranno.
Quando troveranno, resteranno turbati.
Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto.

 

Vota questo sito in Net-Parade

 

10000 punti ottenuti

Sito d'argento

Ti piace questo sito?
Sostienilo con un voto.
Puoi votare più volte!


 

web counter