Il sito usa cookie tecnici per il suo funzionamento. Da questo sito, a tua scelta puoi usare servizi di terze parti che potrebbero fare uso di cookie propri. Continuando nella visita accetti l'utilizzo dei cookie.

Cerca in Astronave

Canale Video Pegasus

Solo Risvegliandoci...

"E' in corso uno sforzo concentrato per prevedere e gestire il comportamento umano in modo che gli scienziati sociali e l'elite dittatoriale possano essere in grado di controllare le masse e proteggersi dalle ricadute di un'umanità libera completamente risvegliata. Solo risvegliandoci ai loro tentativi di metterci a dormire noi abbiamo una possibilità di preservare il nostro libero arbitrio."
Nicholas West


Scie Chimiche

Chi ci avvelena dal cielo?

Giù le mani dalla Madre Terra

 

Giù le mani dalla
Madre Terra

Questa è una campagna globale per
difendere la nostra casa unica e bellissima,
Pianeta Terra, la minaccia rappresentata
dagli esperimenti di geo-ingegneria


RSOE EDIS - MAPPA

Nuovo antenato umano scoperto in Etiopia

Nuovo antenato umano scoperto in Etiopia

tratto da: http://tycho1x4x9.blogspot.it/

L'olotipo della mascella superiore di Australopithecus deyiremeda
trovato il 4 marzo 2011.
Credit: Yohannes Haile-Selassie/copyright Cleveland Museum of Natural History

Un nuovo relativo si unisce a "Lucy" sull'albero famiglia umana. Un team internazionale di scienziati, guidato dal dottor Yohannes Haile-Selassie del Museo di Storia Naturale di Cleveland, ha scoperto una nuova specie di antenato dell'uomo datata a 3,3-3,5 milioni di anni fa. Fossili della mascella superiore e inferiore estratti nell'area di Woranso-Mille nella regione di Afar in Etiopia sono stati assegnati alla nuova specie Australopithecus deyiremeda. Questo ominide vissuto accanto alla famosa "Lucy", specie Australopithecus afarensis. Le specie sono descritte nel numero del 28 maggio 2015 della rivista scientifica internazionale Nature.
La specie di Lucy ha vissuto da 2,9 a 3,8 milioni di anni fa, si sovrappone nel tempo con la nuova specie Australopithecus deyiremeda. La nuova specie è la prova più determinante per la contemporanea presenza di più di una specie strettamente imparentate dei primi antenati umani prima a 3 milioni di anni fa. Il nome della specie "deyiremeda "(day-ihreme-dah) significa "stretto familiare" nella lingua parlata dal popolo Afar.
 
L'Australopithecus deyiremeda differisce dalla specie di Lucy in termini di forma e dimensioni dei suoi denti spessi e smaltati e per la robusta architettura della sua mascella inferiore. I denti anteriori sono anche relativamente piccoli, ciò indica che probabilmente aveva una dieta differente.
 
 

"La nuova specie è l'ennesima conferma che la specie di Lucy, l'Australopithecus afarensis, non è l'unico potenziale specie di antenati umani che vagavano in quella che è oggi la regione di Afar in Etiopia durante il medio Pliocene," ha detto l'autore e team leader del progetto Woranso-Mille Dr. Yohannes Haile-Selassie, curatore di antropologia fisica presso il Museo di Storia Naturale di Cleveland. "Le attuali prove fossili dalla zona di studio di Woranso-Mille mostrano chiaramente che ci sono state almeno due, se non tre, prime specie umane che vivevano nello stesso momento e in prossimità geografica."

"L'era dei nuovi fossili è molto ben limitata dalla geologia regionale, dalla datazione radiometrica, e dai nuovi dati paleomagnetici," ha detto il co-autore Dr Beverly Saylor della Case Western Reserve University. Le prove combinate dalle analisi radiometriche, paleomagnetiche e dal tasso deposizionale stimano una età massima e minima  di 3,3 e 3,5 milioni di anni.

"Questa nuova specie dall'Etiopia porta il dibattito in corso sulla diversità dei primi ominidi ad un altro livello", ha detto Haile-Selassie. "Alcuni dei nostri colleghi sono scettici su questa nuova specie, il che non è insolito. Tuttavia, credo che sia giunto il momento per noi di guardare alle prime fasi della nostra evoluzione, con una mente aperta e esaminare attentamente gli elementi fossili attualmente disponibili piuttosto che respingere immediatamente i fossili che non rientrano nelle nostre ipotesi di lunga data".

Gli scienziati hanno a lungo sostenuto che vi sia stata una sola specie preumana in un qualsiasi momento tra i 3 e i 4 milioni di anni fa, dando in seguito vita ad un'altra nuova specie nel tempo. Questo era quello che i fossili apparentemente indicavano fino alla fine del XX secolo. Tuttavia, la denominazione dell'Australopithecus Bahrelghazali dal Ciad e del Kenyanthropus platyops dal Kenya, contemporanei alla specie di Lucy, ha contestato l'idea di lunga data. Sebbene un certo numero di ricercatori fossero scettici circa la validità di queste specie, nel 2012 l'annuncio della scoperta di Haile-Selassie di un piede parziale di 3,4 milioni di anni fa nel Burtele, ha eliminato alcuni degli scetticismi sulla probabilità di più specie di primi ominidi nel range di 3/4 milioni di anni.
 
Piede parziale del Burtele
 
Il piede fossile parziale del Burtele non apparteneva a un membro della specie di Lucy. Tuttavia, nonostante la somiglianza in età geologica e la vicinanza geografica, i ricercatori non hanno assegnato il piede parziale a una nuova specie a causa della mancanza di una chiara associazione. Indipendentemente da ciò, la nuova specie Australopithecus deyiremeda conferma in modo incontrovertibile che più specie siano davvero coesistite durante questo periodo di tempo.
 
Questa scoperta ha importanti implicazioni per la nostra comprensione dell'ecologia dei primi ominidi. Si pongono anche questioni importanti, come il modo in cui più specie di primi ominidi viventi nello stesso momento e area geografica avrebbero potuto usare il territorio condiviso e le risorse disponibili.
 
La scoperta dell'Australopithecus deyiremeda

L'olotipo (tipo esemplare) di Australopithecus deyiremeda è una mascella superiore con i denti scoperta il 4 marzo 2011, in cima a una superficie di argilla limosa in una delle località del Burtele. Anche i paratipi di mascella inferiore sono stati rinvenuti da affioramenti superficiali, il 4 e 5 marzo 2011, presso la stessa località dell'olotipo e in un'altra località nelle vicinanze chiamata Waytaleyta. La mascella superiore dell'olotipo è stata trovata in un unico pezzo (ad eccezione di uno dei denti che si trovava nelle vicinanze), mentre la mandibola è stato recuperata in due metà che sono state trovate a circa 2 metri di distanza l'una dall'altra. L'altra mandibola è stata trovata a circa 2 chilometri ad est da dove sono stati trovati i campioni del Burtele.

Luogo della scoperta

Gli esemplari fossili sono stati trovati nella zona di studio del Progetto Paleontologico Woranso-Mille situato nella regione centrale di Afar in Etiopia circa 520 km a nord est della capitale Addis Abeba e 35 km a nord di Hadar (sito "Lucy"). Burtele e Waytaleyta sono nomi locali per le aree in cui sono stati trovati gli olotipi e i paratipi e si trovano nel distretto Mille, zona 1 dello Stato a finalità regionale Afar.

 

Fonti: Qui e Qui e Qui e Qui e Qui



Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sirius


Coloro che cercano, cerchino finché troveranno.
Quando troveranno, resteranno turbati.
Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto.

 

Vota questo sito in Net-Parade

 

10000 punti ottenuti

Sito d'argento

Ti piace questo sito?
Sostienilo con un voto.
Puoi votare più volte!


 

web counter